Category: Articoli (page 2 of 846)

A Melilli cominciano le repliche nel regionale Karting

Il 22 e 23 giugno si torna a gareggiare sulla Pista del sole in provincia di Siracusa da cui in febbraio ha preso il via il Campionato Aci Sport Sicilia

Castelvetrano (TP), 21 giugno 2019. Sono passati quattro mesi dalla prima gara della kermesse regionale e al kartodromo di Villasmundo tornano a rombare i kart. Rispetto alla prova inaugurale, che ha segnato con oltre 100 partecipanti il record stagionale, questa “settima” porta con se alcune certezze riguardo all’andamento della stagione in corso. Nei sei appuntamenti precedenti il “circus” dei mini bolidi a ruote scoperte ha girato in lungo e largo la Sicilia (5 diverse le provincie), correndo in circuiti selettivi, ben attrezzati e sicuri, trovando da per tutto un seguito di pubblico appassionato. Da canto loro i piloti e i team hanno tratto esperienza dal primo blocco di gare e grazie a questo potranno ripresentarsi in pista ancora più competitivi.

Sono attesi tutti i migliori del campionato, gli attuali leader Blanco nella 60 Entry Level, Bonfiglio nella 60 Minikart, Lombardo nella 125 Kzn2, Birriolo nella 125 kzn under, A.Messina nella 125 kzn Over, Cilia nella 125 kzn Club, G.Messina nella 125 Tag Senior e D’Angelo nella 125 x30J. Tornano in gara anche i piloti della Rock shifter assenti nelle ultime trasferte e i partecipanti all’Interprovinciale girone orientale.

A Melilli ci sarà anche il beniamino locale Luigi Fazzino, che quest’anno si è cimentato nel Campionato Italiano Velocità montagna ad altissimi livelli con l’ Osella Pa 21 Jrb 1.6, ma che a causa dell’incidente in cui è incappato alla Morano Campotenese, non potrà prendere parte, come aveva in programma, alla 21°Giarre Montesalice-Milo , gara valida per il Trofeo Velocità Montagna Sud Italia. Luigi, in attesa del ripristino della sua biposto corsa, che dovrebbe essere pronta entro il prossimo weekend per partecipare alla Coppa Paolino Teodori in programma ad Ascoli, non ha voluto perdere l’occasione di un rientro sia pure occasionale nel Karting, proprio davanti al suo pubblico.

Il programma del weekend al kartodromo di Villasmundo, che si avvale di un paddock di 15000 mq e di una tribuna per 2000 persone, entrerà nel vivo con l’arrivo dei team previsto già nel tardo pomeriggio di venerdì; sabato tutti in pista a partire dalle 8.30 per ottimizzare le prestazioni, domenica il “cronometro” stabilirà le posizioni in griglia per le prefinali e a seguire le finali che assegneranno i punti in campionato. Chiusura come sempre, con la designazione del Champion Day e la consegna dei trofei.

GUIDO ZANAZIO SCEGLIE LA FIESTA WRC PER IL RALLY DI CASA, IL VALLI OSSOLANE

Nella gara che si correrà tra sabato 22 e domenica 23 giugno, il pilota di Ornavasso utilizzerà una Ford Fiesta Wrc come già al 1000 Miglia e al Monza.

Ornavasso (VB) – Guido Zanazio si è avvicinato da poco al mondo delle corse ma in un anno e mezzo ha collezionato ben 18 presenze; la diciannovesima volta sarà speciale perché lo vedrà al via, nel fine settimana alle porte, nel rally di casa, il Valli Ossolane.

Il 36enne pilota di Ornavasso, comune che si affaccia sul Lago di Mergozzo e che dista pochi chilometri da Malesco, sede operativa della gara, ha deciso di fare le cose per bene cogliendo l’opportunità che un rally internazionale dà: prendervi parte con una World Rally Car. La scelta è ricaduta sulla Ford Fiesta WRC, vettura che Zanazio ha già guidato in occasione del Rally 1000 Miglia e del Monza Rally Show.

“La mia squadra di riferimento è l’Erreffe Rally Team-Bardahl ma non dispongono di una Wrc; in accordo con loro ho deciso di rivolgermi alla TamAuto, una struttura leader nel settore per auto e professionalità – racconta Zanazio. Correrò insieme a Marco Pollicino, navigatore di fama nazionale con cui ho già gareggiato in due occasioni quest’anno: speriamo di divertirci cercando di farci applaudire dal pubblico amico!”

Un particolare curioso: in gara ci sarà un’altra Fiesta Wrc dello stesso team, con cui correrà il vincitore della passata edizione Fabrizio Margaroli: entrambe le auto sfoggeranno la medesima livrea nero-verde “Zinox Laser”!

Il 55° Rally Vali Ossolane si svolgerà su dieci prove speciali che sviluppano un totale di 120 chilometri cronometrati: si partirà sabato 22 con le prove di Aurano e Cannobina mentre domenica spazio a Zornasco, Crodo e Montecrestese.

Zanazio tornerà a gareggiare con i colori dell’Erreffe Rally Team Bardahl in occasione del Rally Coppa Valtellina di settembre dove utilizzerà una Skoda Fabia R5.

APERTE LE ISCRIZIONI ALLA 2^ COPPA VILLE LUCCHESI

L’appuntamento dedicato alle vetture storiche, in programma nei giorni 12-13 luglio sulle strade della Piana lucchese, ha aperto ufficialmente le iscrizioni.

Lucca, 21 giugno 2019 – È un format che conferma i punti di forza della prima, fortunata, edizione, quello inerente alla Coppa Ville Lucchesi, gara dedicata alle vetture storiche, in programma venerdì 12 e sabato 13 luglio sulle strade della Piana lucchese. L’evento, promosso da Automobile Club Lucca, in collaborazione con Aci Sport, ha ottenuto quest’anno due prestigiose titolarità, TRZ per il rally storico e Campionato italiano di Regolarità a media. Le iscrizioni sono ufficialmente aperte: c’è tempo fino a lunedì 8 luglio per aderire alla competizione. Sette i tratti cronometrati in programma, per un totale di circa settanta chilometri. Evoluzioni, quelle della 2^ Coppa Ville Lucchesi, che avranno in “Gragnano”, “Pizzorne” e “Aquilea” quel mix particolare tra bellezza circostante e spettacolarità agonistica, tanto da garantire ad appassionati e equipaggi un adeguato contenuto in termini di unicità. Due le ripetizioni della prova speciale “Gragnano”, altrettante in programma per “Aquilea” e tre i passaggi previsti sui chilometri di “Pizzorne”.

LE PROVE SPECIALI. Ad inaugurare il confronto saranno gli otto chilometri di “Gragnano”, prova testimone dei primi fasti del Rally dello Zoccolo, appuntamento di spessore degli anni ’80 che ha avuto – con la Coppa Ville Lucchesi – una degna proiezione nel panorama motoristico attuale. A caratterizzare i primi chilometri è una salita “guidata”, approccio che i protagonisti affronteranno verso Gragnano alto. A seguire, una breve discesa contraddistinta da tornanti che precederà il passaggio verso Tofori, attraverso un tratto in salita molto tecnico. Una prova speciale densa di contenuto, caratterizzata da una serie di tornanti e da una fase finale che – da fondo pianeggiante – alternerà tratti veloci e lenti. Chilometri che manderanno in archivio la prova speciale con una discesa impreziosita da tre tornanti, garanti di assoluta spettacolarità.

A recitare un ruolo primario dal punto di vista chilometrico è la “Pizzorne”, con i suoi 12,21 km. Una prova speciale che ha contraddistinto, negli anni, l’espressione rallistica della provincia di Lucca. Con la partenza prevista dal centro abitato di Villa Basilica, i protagonisti saranno chiamati ad affrontare una salita fatta di tratti “guidati” e di altri decisamente più veloci. A catalizzare l’attenzione di appassionati e addetti ai lavori saranno ancora i cambi di direzione espressi verso il raggiungimento dell’Altopiano delle Pizzorne e i tornanti che caratterizzano i cinque chilometri di discesa verso Matraia.

Otto i chilometri proposti da “Aquilea”, con partenza dal centro abitato di Ponte a Moriano. Una prova speciale molto tecnica, dove la stesura delle note si confermerà determinante. Da un tratto “guidato”, i conduttori saranno chiamati a esprimere il proprio potenziale in varie condizioni di percorrenza, caratteristiche che rendono Aquilea una piccola università dell’asfalto.

I MOTIVI SPORTIVI. Ad impreziosire la 2^ Coppa Ville Lucchesi sono le nuove titolarità, quelle relative al TRZ (Trofeo Rally di Zona) per quanto riguarda il rally storico e l’inserimento del confronto dedicato alla “regolarità” nel Campionato Italiano Regolarità a Media. Confermato anche il format riservato alle “All Stars”, particolare in grado di arricchire ulteriormente il plateau di esemplari di vetture. A prevalere nella prima edizione sono stati Rudy Michelini e Michele Perna, vincitori nel 4° Raggruppamento su Porsche 911 SC a seguito di un acceso confronto con la Porsche 911 RSR di Alberto Salvini e Davide Tagliaferri, compromesso da una “toccata” su Gragnano che ha messo fuori causa la vettura di 2° Raggruppamento del pilota senese, leader fino all’uscita di scena. Ad iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro della manifestazione sono stati anche Luigi Capsoni e Diego Pontin, vincitori nel 1° Raggruppamento su Alpine A110, Alessandro Ghezzi ed Agostino Benenti, loro il successo nel 2° Raggruppamento su Porsche 911 RSR e Gianmarco Marcori, con Barbara Neri vincitore di 3° Raggruppamento su Porsche 911 SC.

La partenza è in programma venerdì 12 luglio, alle 19.31, dal centro storico di Altopascio (piazza Ricasoli), mentre l’arrivo è previsto per le 18.31 a Montecarlo. Per info e iscrizioni: www.coppavillelucchesi.it.

Nella foto (free copyright Thomas Simonelli): Riccardo De Bellis, in azione nella prima edizione della gara.


Gabriele Michi
Iscrizione Ordine Nazionale dei Giornalisti n° 154777
Ufficio Stampa – mgt comunicazione

Michelin Historic Rally Cup: si riparte dal Lana Storico

Con la gara biellese, parte il girone di ritorno della Coppa indetta dalla Casa di Clermont Ferrand, con venti concorrenti al via la maggior parte dei quali nel Terzo Raggruppamento.

BIELLA, 21 giugno – Nel fine settimana che segna l’inizio della calda estate la Michelin Historic Rally Cup inizia il cammino di ritorno della sua stagione 2019 con la nona edizione del Rally Lana Storico, che affronterà le classiche prove speciali delle colline della provincia biellese. Con venti iscritti la Coppa indetta dalla Casa di Clermont Ferrand e gestita sui campi di gara da Mario Cravero di Area Gomme si conferma ancora una volta una colonna portante dei rally storici.

Il Primo Raggruppamento vede l’ingresso stagionale nella Michelin Historic Rally Cup di Fabrizio Pardi, affiancato come sempre da Silvia Bianco, sulla Lancia Fulvia Rally 1.3 con cui ha condiviso il successo di classe al Lana dello scorso anno. Saranno invece quattro i protagonisti della Michelin Historic Rally Cup di Secondo Raggruppamento. Il primo equipaggio a scendere la pedana degli “Orsi” sarà quello formato da Bruno Graglia-Roberto Barbero che riportano sulle prove speciali la loro Fiat 124 Abarth dopo la vittoriosa gara del Vallate Aretine. Avversario pericoloso in raggruppamento il giovane locale Luca Prina Mello, affiancato dalla “storica” (ma solo per esperienza di gare) Margherita Ferraris Potino su BMW 2002 Tii, vettura che non ha portato loro fortuna nelle ultime due uscite della scorsa stagione, mentre riuscirono ad ottenere un podio di classe al Lana dello scorso anno a bordo di una Porsche 911. A seguire la tradizionale Porsche 911 RS per Roberto Giovannelli-Isabella Rovere, galvanizzati dal successo di Raggruppamento al recente Campagnolo. Chiude la striscia dei partenti della Michelin Historic Rally Cup di Secondo Raggruppamento Vittorio Tenivella-Marco Blua, Fiat 128 Coupé, terzi di graduatoria al Vallate Aretine, che sfiorarono il podio di Classe nella scorsa edizione.

Il Terzo Raggruppamento vede ai nastri di partenza della Michelin Historic Rally Cup ben quindici equipaggi, il primo dei quali è formato da Roberto Rimoldi e Roberto Consiglio, Porsche 911 SC che conducono autorevolmente sia la classifica di raggruppamento sia quella di Classe M5 grazie agli ottimi risultati conseguiti nelle tre gare fin qui disputate. Ritorno alle gare per il novarese Simone Lanfranchini, affiancato da Stefano Bertelletti, fermi con la loro Porsche 924 GTS dal Lana dello scorso anno concluso anzi tempo. A seguire il velocissimo Luca Delle Coste con Franca Regis Milano che ha rimediato al passo falso con la sua Ritmo 75 con due gare siderali al Valsugana e al Campagnolo che hanno permesso al pilota varesino di conquistare la leadership della Classe M2 della Michelin Historic Rally Cup. Tradizionale presenza nella gara di casa per il locale Stefano Canova con Matteo Zanetti alle note, con l’interessante Audi quattro con la quale disputarono una buona gara al Lana dello scorso anno. Quindi Massimo Giudicelli-Paola Ferrari, secondi di Classe M2 al Campagnolo con la loro Volkswagen Golf. Fiat 131 Abarth Gruppo 4 per i cuneesi Pierangelo Pellegrino-Davide Peruzzi che dopo il ritiro del Vallate Aretine sono andati a segno al Campagnolo. Con il numero 48 sulle portiere prenderanno parte alla gara i coniugi biellesi Luca Valle-Cristiana Bertoglio che dopo il positivo esordio stagionale nella Coppa al Campagnolo tenteranno di ripetersi sulle strade di casa.

Partiranno poi in rapida sequenza ben quattro Opel Kadett GT/E Gruppo 2, la prima delle quali portata in gara da Claudio Ferron, chiamato a eguagliare la bella prestazione mostrata dal figlio Daniele al Campagnolo, con cui condivide il navigatore Francesco Cuaz. Immediatamente dopo scatta Sergio Cabella, che ha al suo fianco un’altra componente della famiglia Ferron, ovvero Simona, al suo esordio al quaderno delle note. A seguire Stefano Villani-Lorenzo Lalomia, reduci da una gara sofferta al Campagnolo, portata stoicamente al traguardo ed infine Maurizio Riberi-Ivan Perriello, vincitori della loro classe al recente Valli Vesimesi. Dopo le Kadett tocca alle tre Fiat 127 CL dare spettacolo con Antonio Perrone-Luca Cerutti, primi a partire che hanno la grande occasione, vista l’assenza dei loro tradizionali avversari, di prendere il comando della Classe M1. Immediatamente dietro partirà Riccardo Arrigo, con a fianco Eugenia Fantini, per la prima volta al via su una vettura storica ed ancora Michele Di Marco con Francesco Zambelli sul sedile di destra, che rientra in gara esattamente dopo un anno di assenza, dal Lana 2108. Chiude le partenze dei concorrenti della Michelin Historic Rally Cup Claudio Azzari, con Elisio Crestani, al volante della vettura più piccola del rally, ovvero la Ford Fiesta 1100.

Il 9° Rally Lana Storico è valido, fra l’altro, per il Campionato Italiano Rally Auto Storiche, il CRZ Prima Zona, Michelin Historic Rally Cup e Memory Fornaca. Si comincia sabato 22 giugno con le verifiche sportive e tecniche a Biella (Agorà Palace Hotel, sportive; Piazza Vittorio Veneto, tecniche) dalle 8.00 alle 13.30 prima di procedere alla cerimonia di partenza alle ore 16.00 presso il Centro Commerciale Gli Orsi, dove si festeggerà l’arrivo dei concorrenti superstiti domenica 23 giugno alle ore 14.00. La gara si sviluppa su un percorso di 364,47 km di cui 117,44 cronometrati. Dieci le prove speciali (sabato 3×2; domenica 2×2) tutte su asfalto.

BASSO-GRANAI (SKODA FABIA R5) SI AGGIUDICANO AL FOTOFINISH GARA 2 AL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019. ORA COMANDANO IL CIR

Il driver trevigiano è terzo in Gara 1 e vincitore nella Gara 2 del tricolore nel Rally Mondiale. Ora è il leader del Campionato davanti a Rossetti-Mori (Citroen C3 R5), secondi all’ultimo crono. Risultati importanti per Crugnola-Ometto (Fabia R5) vincitori di Gara 1. Doppio out per Campedelli-Canton (Ford Fiesta R5) che arrivano comunque a punti.

Alghero, domenica 16 giugno 2019 – Giandomenico Basso e Lorenzo Granai su Skoda Fabia R5 vincono Gara 2 nel Rally Italia Sardegna 2019 e si lanciano in testa al Campionato Italiano Rally. Un week end dai due volti, straordinariamente intenso, quello affrontato dai protagonisti del tricolore nell’appuntamento italiano del Mondiale Rally. Il driver di Cavaso del Tomba ha rispolverato la vittoria centrata nel 2014, ultima edizione del RIS con validità per l’Italiano, conquistando la seconda frazione in questo quarto round del CIR, proprio all’ultimo crono. Basso è stato autore di una rimonta clamorosa, iniziata sin dal sabato e completata con quattro scratch consecutivi nel finale. Quello decisivo è arrivato sulla “Sassari-Argentiera”, decisiva anche per il WRC, dopo aver mangiato i 23.5’’ di distacco che lo separavano dal rivale Luca Rossetti in 41,90 km. Porta a casa comunque un bel bottino anche il pordenonese, al debutto sullo sterrato sardo con la Citroen C3 R5, insieme ad Eleonora Mori. Rossetti è attualmente secondo in Campionato in virtù del secondo posto in Gara 1 e del secondo tra gli iscritti al CIR anche in Gara 2. Entrambe a coefficiente 0,75. Dopo il risultato soddisfacente della partentesi iniziale, calcolato il distacco dai rivali e visto il ritmo di Basso, ha pensato soprattutto a macinare chilometri su terra con la vettura del Double Chevron. Con il rally sardo Rossetti si porta secondo nel CIR a quota 46.5, tre punti dietro al nuovo leader Basso.

Gara 2 è stata una corsa con prospettive diverse per gli altri big del CIR. A partire da Andrea Crungola e Pietro Ometto che, dopo aver vinto Gara 1, sono stati bloccati all’inizio della seconda metà di gara per la rottura di un tubo dei freni. Problema che ha relegato il varesino su Skoda Fabia R5 in fondo alla classifica generale, dietro a gran parte degli equipaggi italiani su R5, quindi virtualmente out dalla zona punti per Gara 2. Crugnola ha quindi cercato di rimettere in piedi le cose e prova dopo prova è riuscito a guadagnare qualche punto e il terzo posto tra gli iscritti al CIR. Rally simile nella seconda parentesi per Simone Campedelli. Il romagnolo affiancato da Tania Canton è stato costretto venerdì al ritiro dopo un capottamento per problemi all’idroguida. Rientrato per la seconda gara è stato subito fermato per una rottura di un braccetto dello sterzo. Quindi anche per lui è diventata una corsa a punti, arrivati soltanto alla speciale conclusiva.

Si è fermato alla fine del sabato Alessio Profeta, con Sergio Raccuia su Skoda Fabia R5. Il giovane palermitano del tricolore rally si è messo comunque in mostra sulle selettive prove speciali dell’Isola e ha preso continuità con il fondo sterrato aumentando il feeling con la vettura ceca in vista dei prossimi appuntamenti del Campionato.

Il prossimo rally valido per il Campionato Italiano Rally sarà il Rally di Roma Capitale, in programma dal 19 al 21 luglio, altra gara internazionale in concomitanza con l’Europeo Rally.

CLASSIFICA CIR GARA 1 (coeff. 0,75): 1. Crugnola-Ometto (VolkswagenPolo/Skoda Fabia R5) in 1:41’43.0; 2. Rossetti-Mori (Citroen C3 R5) a + 15.3; 3. Basso-Granai (Skoda Fabia R5) +26.0;

CLASSIFICA CIR GARA 2 (coeff. 0,75): 1. Andolfi-Scattolin (Skoda Fabia R5) in 2:03’21.8; 2. Basso-Granai (Skoda Fabia R5) a 3’05.4; 3. Rossetti-Mori (Citroen C3 R5) a 3’23.5; 4. Oldrati-De Guio (Ford Fiesta R2) a 21’39.1; 5. Martinez-Demontis (Ford Fiesta R2) a 29’01.2; 6. Arengi Bentivoglio-Bordignon (Skoda Fabia R5) a 29’29.0; 7. Crugnola-Ometto (Skoda Fabia R5) a 38’02.5; 8. Pollara-Castiglioni (Ford Fiesta R2) a 39’29.9; 9. Ciato-Budoia (Peugeot 208 R2) A 40’14.7; 10. Campedelli-Canton (Ford Fiesta R5) A 43’29.6; 11. Liceri-Mendola (Peugeot 208 R2) A 47’52.1; 12. Toninelli-Tomasi (Renault Twingo R2) A 53’07.8; 13. Pedala’-Pollini (Peugeot 208 R2) A 56’29.0; 14. Gallu-Pirisinu (Peugeot 208 R2) a 56’59.2;

CLASSIFICA CONDUTTORI DOPO RALLY ITALIA SARDEGNA: 1. Basso-Granai (Skoda Fabia R5) 49,5pt; 2. Rossetti-Mori (Citroen C3 R5) 46,5pt; 3. Campedelli-Canton (Ford Fiesta R5) 39 pt; 4. Crugnola-Ometto (VolkswagenPolo/Skoda Fabia R5) 30,25pt;

Addetto stampa | Redazione centrale

Daniele De Bonis

+39 339 7573991

debonis@acisportspa.it

Bartolini Luca

+39 3357553762

bartolini@acisport.it

#CIR #CIRALLY #ACISPORT #ACI #rallyitaliasardegna #RIS2019 #WRC #Mondiale

Older posts Newer posts

© 2019 RallyRace.it

Theme by Anders NorenUp ↑