Category: Articoli (page 2 of 903)

55^ COPPA CITTÀ DI LUCCA E 3^ COPPA VILLE LUCCHESI: PRONTI ALLE SFIDE CON 110 ISCRITTI

La grande attesa per una delle gare-simbolo italiane sta per terminare:

sarà il terzo evento in Italia dopo lo stop imposto dall’emergenza sanitaria da Covid-19

e si presenta sulla scena con un plateau di iscritti e di vetture di alto livello.

La gara “moderna”, valida per la Coppa Rally di VI zona (CRZ)

e la “storica”, primo atto del Trofeo Rally di terza Zona (TRZ) proporranno un percorso rivisto

nel rispetto delle nuove normative federali per il contrasto dell’emergenza epidemiologica

ma ispirato alla tradizione dei rallies lucchesi.

L’evento sarà “a porte chiuse”, non è previsto il pubblico lungo le Prove Speciali, per questo sono state organizzare “dirette” televisive e”social, per seguire le vicende agonistiche da casa.

Lucca, 15 luglio 2020 – L’attesa sta finendo, il classico conto alla rovescia, per sentire il rombo dei motori e apprezzare le sfide della 55^ Coppa Città di Lucca-3^ Coppa Ville lucchesi riservata alle auto storiche, si sta esaurendo. Questo fine settimana, la terza gara in Italia (seconda in Toscana dopo il “Casentino”) dopo l’interruzione dell’attività sportiva motoristica nazionale dovuta all’emergenza sanitaria da Covid-19, arriva al cuore ed alla mente degli appassionati ed addetti ai lavori con un parterre decisamente di lusso, quello dei 110 iscritti.

I due eventi identificano quindi un territorio ad ampia vocazione motoristico-sportiva diventando, adesso più che mai in questo periodo di ripartenza dopo i mesi di chiusura, un notevole veicolo di sostegno per l’indotto turistico-ricettivo del territorio, generato proprio dalle presenze di partecipanti, squadre addetti ai lavori. Un segnale importante, che arriva dal motorsport lucchese, considerando che i due rallies saranno tra le poche manifestazioni di ampio respiro che vedranno la luce nell’estate.

Organizzata da Automobile Club Lucca, con la collaborazione di MaremmaCorse 2.0 ed il supporto tecnico di Lucca Corse, la competizione, una delle più longeve in Italia, prenderà vita nel rispetto di tutte le normative previste per il contenimento del contagio da Covid-19: per questo motivo, infatti, l’evento sarà a porte chiuse, non sarà possibile accogliere appassionati lungo il percorso proprio per evitare assembramenti, ma gli amanti del rally potranno seguire la manifestazione sui canali social dell’Aci Lucca e in diretta su NoiTv (canale 10 digitale terrestre Toscana). L’emittente lucchese infatti seguirà la partenza, l’arrivo e la terza prova speciale, il primo dei due passaggi della prova delle Pizzorne. Vi sarà inoltre una diretta via Facebook effettuata da “Rally Dreamer” con la quale anche in questo caso verranno raccontati i momenti salienti delle sfide sulla strada.

Diverse le validità ufficiali: quella di essere prima prova della Coppa Rally di VI zona per la 55^Coppa Città di Lucca e quello pure di prima prova del Trofeo Rally di III zona per la 3^ Coppa Ville lucchesi.

Alle due validità ufficiali vi saranno affiancate quelle relative al Trofeo Rally Toscano e al Premio Rally ACI Lucca. È inoltre è prevista la sezione “All Stars”, riservata alle vetture di particolare valenza storico-sportiva. Vi saranno inoltre le titolarità “promozionali” di R Trophy 2020, Trofeo Pirelli e Michelin Zone Cup.

TANTI I MOTIVI SPORTIVI PER UN CONFRONTO DECISAMENTE ACCESO:

MICHELINI INSEGUE IL DECIMO ALLORO, AL VIA L’EX “TRICOLORE” SCANDOLA ED ATTENZIONE A BATTISTOLLI, PIEROTTI, GADDINI, MORICCI ED ARZA’. GIOVANNI MORI CERCA IL COLPO GROSSO TRA LE “STORICHE”.

Come già indicato, sono 110, gli iscritti, in totale, con la presenza di ben 17 “top car” le vetture di categoria R5 (1600 cc. turbo, trazione integrale), e tanta, tanta qualità tra i piloti. Occhi puntati su Rudy Michelini, certamente idolo locale, che con la VolksWagen Polo R5 andrà alla ricerca del decimo alloro in gara. Lo farà, per la terza volta al volante della vettura tedesca, affiancato da Perna ed in allenamento per la settimana successiva, quando debutterà nel Campionato Italiano a Roma. Non avrà vita facile, Michelini, in quanto dovrà confrontarsi con diversi “nomi” a partire dal veronese Umberto Scandola, con D’Amore al fianco, i quali si presenteranno con la Hyundai i20 ufficiale italiana, anche loro “di passaggio” per la gara di RomaCapitale. Scandola, già Campione Italiano nel 2013, non ha mai corso a Lucca, ma alcune strade le ha già percorse comunque in quanto sono state utilizzate spesso per il rally del Ciocco, che lui conosce bene.

Attesa per vedere all’opera Luca Pierotti, l’avvocato lucchese sempre in grande forma nella gara anche per lui di casa, quest’anno con l’incognita di debuttare con una polo R5, con tutte le incognite del caso. E di debutto si parla anche di un altro che guarda lontano, Stefano Gaddini (con Innocenti alle note), in questo caso con una Skoda Fabia R5, dopo una significativa esperienza con le due ruote motrici e dopo anche aver debuttato lo scorso anno con una trazione integrale, proprio qui a Lucca (Peugeot 207 S2000). Debutto sulle strade lucchesi anche per il giovane vicentino Alberto Battistolli, figlio “d’arte”, erede del grande Luigi “Lucky”, tutt’oggi ancora pilota di livello nelle “storiche” nonché presidente dell’ACI Vicenza. Battistolli, affiancato da Scattolin (copilota di caratura mondiale), fa parte del programma ACI Team Italia per favorire la crescita dei giovani talenti della filiera nazionale ed avrà a disposizione pure lui una Fabia R5.

Occhi puntati, per le posizioni al sole dell’assoluta, sul montecatinese Paolo Moricci, all’esordio pure lui su una Skoda Fabia R5 dopo un paio di stagioni con la Hyundai, poi attenzione anche alle prestazioni dello spezzino Claudio Arzà, con Simona Righetti, anche lui alla prima esperienza con una Citroen C3 R5.

Con grande assente un altro lucchese di livello, Luca Panzani, il quale era atteso pure lui con una Fabia R5, ma ha deciso di riprendere l’attività tra un mese, al Ciocco, certamente gli onori di casa spetteranno pure farli al blasonato Mauro Lenci, che seppur abbia ridotto le sue uscite al volante, sarà della partita, con una Skoda Fabia R5 anche lui e tornando in tema di debutti, sarà interessante vedere quello del giovane pistoiese Thomas Paperini, con una Fabia anche lui. In cerca di fortuna in Toscana anche il genovese Paolo Benvenuti (Skoda Fabia R5) e sarà interessante vedere all’opera i due francesi Jean Francois Succi (VolksWagen Polo) e Paul Alerini (Skoda Fabia), quest’ultimo non nuovo a grandi performance in terra italiana. Entrambi di recente hanno conquistato rispettivamente un secondo ed un terzo posto in gare francesi.

Poi, Andrea Mazzocchi (Skoda Fabia R5) cerca stimoli forti, debuttando pure lui con una Fabia R5 e sarà da seguire con forte interesse il confronto tra le due ruote motrici per le quali il pronostico si annuncia difficile.

Il blasonato pistoiese Federico Gasperetti, con la sua Renault Clio R3 prenota posizioni importanti anche nell’assoluta, a cercare di contrastarne il passo ci saranno diversi piloti di grosso calibro, come ad esempio Nicola Paolinelli, affiancato da Castiglioni, con una Renault Clio S1600, poi l’altro lucchese Alessio della Maggiora (stessa vettura) ed un altro lucchese sempre veloce, Andrea Simonetti (Renault Clio R3). Da tener d’occhio poi altri “nomi” come Claudio Fanucchi (Renault Clio R3), l’altro pistoiese Alessandro Ciardi (Renault Clio R3, rientrato recentemente alle gare in Casentino dopo un lungo periodo di sosta e Pierangelo Villa (Renault Clio S1600).

Assai effervescente si presenta anche il plateau di interpreti della classe R2, tutti con una Peugeot 208 R2 tranne la grande novità del pistoiese Emanuele danesi, che sarà al via con la grande novità della nuovissima Ford Fiesta “Rally4”, motore 999cc turbo, l’ultima frontiera della Casa “dell’ovale blu” per i rallies (Questa di Lucca è la seconda uscita italiana dopo quella della settimana scorsa al rally della Lana di Biella).

Tutti gli altri, invece, saranno ben forniti con una Peugeot 208: il garfagnino Gabriele Catalini, specialista e vincente con le “piccole” debutterà con la millesei “del Leone” e si getterà nella mischia contro un altro lucchese sempre informa, Marco Mori (al recente “Casentino” visto in gran forma), ma contro anche i fratelli fiorentini Lorenzo e Cosimo Ancillotti, contr anche Leonardo Santoni (anche per lui prima gara con la 208)

TRA LE “STORICHE” DELLA COPPA VILE LUCCHESI GIOVANNI MORI FA GLI ONORI DI CASA CON LA BMW M3

Sfida anche “storica” sulle strade lucchesi. Giovanni Mori e la sua BMW M3 condivisa stavolta con Giacomo Ciucci faranno gli onori “di casa” cercando decisi la vittoria dopo la quarta piazza assoluta del 2019, forti anche dello “scudetto” conquistato da pilota garfagnino nel Trofeo di terza zona appunto l’anno passato. Bella da vedere anche la Lancia Rally 037 di Carlo Falcone, già olimpico di vela (olimpiadi estive 1992), con al fianco Maurizio Barone e belle anche le altre vetture che hanno fatto la storia delle corse su strada, pronte a rinverdire i fasti di un tempo. Come la Alpine a 110 del farmacista maremmano Ettore Falchetti, affiancato da Sanesi, la Porsche 911 Carrera di Lorenzo Delladio o la Renault 5 Alpine di Adelchi Gasperetti (fratello di Federico, che corre il rally “moderno), che farà coppia con Riterini.

PROGRAMMA, LOGISTICA E PERCORSO RIVISTI SEGUENDO LE PRESCRIZIONI SANITARIE FEDERALI

Seguendo le prescrizioni Federali previste per la ripresa post Covid-19, l’organizzazione ha messo ovviamente mano al progetto di origine delle due gare, nel rispetto soprattutto di tutti i protocolli sanitari da adottare per la sicurezza attiva e passiva di tutti coloro che saranno coinvolti nell’evento.

Questo ha ovviamente generato un percorso ridotto in previsione anche di un contenimento dei costi generali sia organizzativi che per chi accetterà la sfida sulla strada. E’ stato un lavoro di squadra, ampiamente ispirato alla tradizione dei rallies lucchesi, che non mancherà certamente di essere apprezzato e sicuramente preso come esempio da seguire per il futuro.

Il percorso prevede tre distinte prove speciali da ripetere 2 volte per un totale di 59,840 chilometri di distanza competitiva sul totale di 265,840 dell’intero tracciato. Ci si è ispirati, come già accennato, alla tradizione delle “piesse” lucchesi, che assicureranno spettacolo e agonismo. Rispetto al recente passato, variato di poco il timing della gara, con partenza alle ore 12,31 di sabato 18 luglio da Lucca Fiere – Via della Chiesa XXXII – mentre l’arrivo sarà dalle ore 21,15 nello stesso luogo.

Il quartier generale dell’evento, quindi Direzione Gara, Segreteria e Sala Stampa, sarà ubicato nelle strutture di Lucca Fiere, la cui ampia area sarà anche quella del Parco Assistenza e dell’unico riordinamento previsto di metà gara.
Scandola D'Ampre Hyundai i20 8° WRC3 Monte Carlo 2020 b

NELLE FOTO: RUDY MICHELINI IN AZIONE (foto Barsali) e Scandola d’Amore, attesi protagonisti a Lucca

UFFICIO STAMPA

Alessandro Bugelli

GRANDE DEBUTTO NELL’IRC PER FABRIZIO GIOVANELLA: AL CASENTINO È PRIMO DI S1600

Esordio coi fiocchi per Giovanella nella prima gara di International Rally Cup: al Casentino il pilota piemontese è primo di classe e secondo di raggruppamento!

Domodossola – Meglio di così era difficile da immaginare. Fabrizio Giovanella è partito col piede giusto nella sfida dell’IRC Cup cominciata lo scorso fine settimana. Al Rally del Casentino, il driver ossolano ed il suo navigatore Andrea Dresti, hanno portato in cima alla classifica di S1600 la Renault Clio magistralmente curata dal team MS Munaretto. Su strade a loro nuove, i due piemontesi hanno vinto sei prove su sette totali non lasciando scampo ai pur bravi avversari. L’ampio distacco finale però non deve ingannare perché nell’entroterra aretino è stata lotta vera: “abbiamo trovato una gara davvero bella e ben architettata nonostante tutte le restrizioni da Coronavirus– commenta euforico Fabrizio Giovanella. Le strade si sono sporcate molto e abbiamo dovuto fare i conti con alcuni ostacoli che ci si sono palesati quasi all’improvviso: anche questo fa parte dei rally. Per noi si tratta di esperienza utile dato che personalmente gareggio solo da un paio di anni. Il ritmo gara è stato davvero buono e la seconda posizione del raggruppamento IRC (quello che include tra le altre anche le vetture anche le R3 e le A7 ndr.) dietro al locale Ciardi è un buon segno”.

A ben guardare c’erano anche i presupposti per la doppietta visto che ad una speciale dal termine Giovanella era anche leader del raggruppamento con 4”1 sul diretto avversario: “In effetti ad una prova dalla fine noi e Ciardi eravamo praticamente appaiati sebbene sapessi che si trattava di una speciale a lui congeniale e che nel primo passaggio mi avesse dato 3”6. Lungo la prova qualche sconsiderato ha lasciato dei sassi in traiettoria che noi siamo riusciti a schivare per miracolo pur perdendo del tempo mentre altri li hanno centrati danneggiando le loro vetture. Noi abbiamo raggiunto una di queste e non è stato semplice superarla; alla fine della prova abbiamo perso 17” che si sono poi rivelati decisivi per la vittoria. Aldilà di questo spiacevole episodio bisogna dire che è stata comunque una bellissima battaglia che ha fruttato la mia prima vittoria di S1600 fuori dalle zone conosciute e di questo non posso che essere felice – ha concluso il pilota classe 1984.

Al termine della competizione toscana l’equipaggio Giovanella-Dresti ha prevalso in S1600 con un distacco di 2’33”8 sul primo degli inseguitori mentre ha terminato in seconda piazza a 12”9 da Ciardi nella graduatoria di gruppo.

Ora il focus della serie IRC Cup si sposterà sugli asfalti del Rally Città di Bassano che si disputerà i prossimi 25 e 26 settembre.

Addetto stampa Luca Del Vitto: info@lucadelvitto.com , +39.339.1477880

E’ IL 21 E 22 AGOSTO LA DATA DELLA RIPARTENZA PER IL 43° RALLY IL CIOCCO E VALLE DEL SERCHIO.

SECONDO APPUNTAMENTO DEL CAMPIONATO ITALIANO RALLY 2020, TORNA A DISPUTARSI IN ESTATE, DOPO BEN 38 ANNI, CON IL LOOK “POST COVID-19”

Il Ciocco (Lu). Sono già in fermento Media Valle e Garfagnana e cresce l’attesa per la 43esima edizione del rally Il Ciocco e Valle del Serchio, quella della ripartenza post Covid-19.

La data è quella del 21 e 22 agosto, fissata nel calendario, rivisitato, del Campionato Italiano Rally 2020. Dopo avere inaugurato il CIR, per molti anni consecutivi, con la sua effettuazione a marzo, il rally Il Ciocco e Valle del Serchio “agostano” sarà la seconda delle sette gare della massima serie tricolore. Ritrovando giocoforza, quest’anno, a distanza di ben trentotto anni, quella collocazione estiva che lo aveva caratterizzato nelle cinque edizioni dal 1978 al 1982, con il tris consecutivo di vittorie di Adartico Vudafieri, con la Lancia Stratos e due volte con la Fiat 131 Abarth, l’affermazione nel 1981 di Attilio Bettega, con la Fiat 131 Abarth, e infine il trionfo di Tonino Tognana, nel 1982, con la Ferrari 308 GTB. Ultimo vincitore del rally Il Ciocco e Valle del Serchio, lo scorso anno, è stato, invece, Giandomenico Basso, con Granai (Skoda Fabia R5), che proprio al Ciocco ha iniziato la cavalcata vincente verso il titolo di campione italiano rally 2019.

Il terzo fine settimana di agosto, non si può non ricordarlo, è anche la tradizionale data in cui, per venti anni, si è disputato il rallysprint della Garfagnana, un classico, molto apprezzato, sempre targato “Il Ciocco”.

TUTTO NUOVO IL RALLY IL CIOCCO 2020 “POST COVID-19”

Per ottemperare alle normative governative e a quelle sportive, emanate da ACI Sport, in materia di contrasto alla pandemia, il rally Il Ciocco e Valle del Serchio 2020, dopo il rinvio da fine marzo, quando in pratica era già tutto pronto per la sua effettuazione, è stato profondamente rivisto e ridisegnato, con O.S.E. Organization Sport Events che ha adeguato logistica, servizi, percorso e prove speciali alle nuove prescrizioni.

Ad oggi, in attesa di eventuali aggiornamenti di normative e disposizioni da parte di Governo e Autorità Sportiva, il rally Il Ciocco viene proposto in una nuova e inconsueta veste, con percorso più breve e con le note, forti limitazioni alla presenza del pubblico.

Il cuore dell’evento, con Direzione Gara, servizi, verifiche, parco assistenza, partenza e arrivo, sarà concentrato totalmente all’interno della Tenuta Il Ciocco. Rivoluzionato anche il percorso, per adeguarlo alla riduzione dei km di prova speciale delle gare CIR 2020, tracciato che verrò reso noto nelle prossime settimane.

Il rally Il Ciocco e Valle del Serchio, dopo le verifiche tecniche, le ricognizioni e lo shakedown di venerdì 21 agosto, prenderà il via sabato 22 agosto alle ore 8.00 per concludersi alle ore 19.10 dello stesso giorno.

La gara valevole per la Coppa Rally di Zona, con il coefficiente 1,5, partirà in coda al rally CIR.

LE VALIDITA’ DEL 43° RALLY IL CIOCCO E VALLE DEL SERCHIO

Seconda gara del Campionato Italiano Rally 2020, il rally Il Ciocco sarà valevole anche per il Campionato Italiano Rally Asfalto e per il CRZ, la Coppa Rally di Zona, con coefficiente 1,5.

Importante notizia la conferma, da parte di ACI Sport, del corposo montepremi in palio.

Altre importanti validità quelle per il Trofeo Pirelli Accademia, riservato alla gara CRZ, per l’R Italian Trophy, per i Trofei monomarca con Peugeot Competition Top, ma anche con il Regional Rally Club, con la Suzuki Rally Cup, e con Renault Clio Trophy Italia, per il CIR, mentre per il CRZ ci saranno il Corri con Clio N3 Open e il Twingo R1 Open.

Immancabile poi il Trofeo Rally Toscano, promosso dall’attivissimo Delegato ACiSport Luca Rustici, e il Premio Rally ACI Lucca.

GLI ORGANIZZATORI: I CONTATTI

ORGANIZATION SPORT EVENTS

Loc. “Il Ciocco” – 55051 Barga (Lu)

Tel. 0039 0583 719730 – Fax 0039 0583 719731

Email: info@cioccorally.it

Website: www.cioccorally.it

Valerio Barsella – Rally Events

cell. 0039 320 9188842

UFFICIO STAMPA

Responsabile: Leo Todisco Grande

Cell. 0039 335 8298326

Email: ltgpress@cioccorally.it

Ufficio Comunicazione Il Ciocco: Claudia Ponziani

Tel. 0039 0583 719272

Cell. 0039 335 1338912 Email: c.ponziani@ciocco.it

UFFICIO STAMPA

RIPARTE DAL CASENTINO IL 2020 DEL VM MOTOR TEAM

Cecchini e Bosco al via con una Peugeot 208 R2B

E’ tempo di ripartenza anche per il VM Motor Team. La scuderia di Moreno Voltan, ferma come tutte le altre a causa della situazione nazionale, è pronta a tornare in gara e lo farà alla prima occasione utile in calendario, vale a dire il Rally del Casentino, in programma a Bibbiena (AR) i prossimi 3 e 4 luglio.
La prima tappa della IRCup sarà anche la gara che segna il ritorno delle competizioni rallistiche in Italia ed in Europa, un appuntamento immancabile per numerosi equipaggi, che hanno voluto marcare la propria presenza alla manifestazione aretina.
Tra questi ci saranno anche i portacolori del VM Motor Team Mario Cecchini e Stefano Bosco, in gara con una Peugeot 208 R2B preparata e seguita da Bianchi.
Il 40° Rally del Casentino partirà alle 12 di sabato 4 luglio da Bibbiena ed in concorrenti affronteranno sette prove speciali, per un totale di 89 chilometri cronometrati. L’arrivo è previsto, sempre a Bibbiena, alle 21:22.

Il ritorno agonistico di Movisport: “Casentino” a tre punte.

Tempo di sfide, per la scuderia reggiana, che questo fine settimana sarà ben rappresentata alla classica gara toscana, prima prova dell’IRCup.

Reggio Emilia, 30 giugno 2020

Movisport, dopo i circa tre mesi di totale stop dovuto alla pandemia da Covid-19, è pronta a riprendere le sfide. Il sodalizio reggiano lo farà questo fine settimana, al 40. Rally del Casentino, prima prova del campionato IRCup a Bibbiena, in provincia di Arezzo.

Saranno tre, gli equipaggi al via per difendere i colori Movisport, con tanta voglia di riprendere a gareggiare e tanta voglia anche di avviare al meglio la stagione.

Prenotano certamente un posto al sole nell’assoluta o magari anche sul podio assoluto, Gianluca Tosi-Alessandro Del Barba, che affronteranno tutta la stagione con la Skoda Fabia R5, con la voglia anche di riscatto dalla delusione patita in provincia di Arezzo lo scorso anno, fermati da un banale guasto meccanico.

Dalla terra all’asfalto, Luca Hoelbling con Federico Fiorini alle note ci prova con una Hyundai i20 R5, cercando anche loro la rivalsa da un avvio stagionale (prima della pandemia) in Val d’Orcia, concluso anzitempo per una rottura.

Ci sarà poi Matteo Bonini, con Gabriele Romei, su una Renault Clio R3C. Sarà alla sua quarta esperienza con la affidabile due litri francese, potendo contare sull’apporto di esperienza del copilota, per avviare al meglio la propria stagione in una competizione che si annuncia assai “calda”.

Il 40° Rally del Casentino scatterà sabato 4 luglio alle 11.30 dal tradizionale palco partenza di viale Gramsci in Bibbiena e si svolgerà sulla distanza di 89 km di prove speciali divise sui classici tratti cronometrati casentinesi, opportunamente rivisti nella distanza. La “Corezzo” di 9,500 km, la “Crocina” di 22,28 km e la new entry “Rosina” di 7,48 km, prova presa “in prestito” dal Historic Rally delle Vallate Aretine. La scelta dolorosa di tagliare le prove nella parte alta del Casentino, cioè le classiche PS “Caiano e “Barbiano” è dovuta alla necessità di rispettare il chilometraggio massimo di tratti cronometrati imposto dai nuovi protocolli (non oltre 100km) senza però rinunciare alle prove più significative. L’arrivo sarà alle 20,43, sempre in Viale Gramsci a Bibbiena.

Nella foto: Tosi (Mario Leonelli)

#Rally #Rallye #Movisport #Motorsport #RacingIsLife #IRCUP

UFFICIO STAMPA

Alessandro Bugelli

Older posts Newer posts

© 2020 RallyRace.it

Theme by Anders NorenUp ↑