Category: Articoli (page 2 of 1007)

TRENTO – BONDONE, FUNNY TEAM SORRIDE A METÀ

La cronoscalata valida per il campionato europeo e per quello italiano vede la vittoria di Grobberio, primo tra le millequattro produzione, mentre Zandonà non entra in gioco.

Abano Terme (PD), 05 Luglio 2022 – È stata una Cronoscalata Trento – Bondone che ha diviso gli animi all’interno di Funny Team, tra la gioia per una bella vittoria e l’amarezza per un ritiro anticipato che hanno, in buona sostanza, pareggiato il bilancio dello scorso weekend.

La salita trentina, valevole per il FIA European Hill Climb Championship ma anche per il Campionato Italiano Velocità Montagna e per il Trofeo Italiano Velocità Montagna in zona nord, ha visto salire sul gradino più alto del podio, in classe ProdS1400, un ottimo Jacopo Grobberio.

Il pilota di Quinto, alla guida della sua consueta Peugeot 106 Rallye gruppo N, ha avuto la meglio nello scontro diretto con l’unico avversario tra le millequattro del produzione, sfiorando la top ten nella generale di gruppo e migliorando ulteriormente il record del tracciato.

“Questa salita è una gara endurance” – racconta Grobberio – “perchè affrontare oltre diciassette chilometri mette a dura prova sia la vettura che il fisico. Ci siamo presentati avendo il miglior record delle millequattro del produzione e con papà, durante l’anno, abbiamo lavorato per cercare di capire dove si poteva limare ancora qualcosa per migliorare. Già nell’unica sessione di prove del Sabato, la seconda non si è corsa per mancanza di tempo, avevamo abbassato il record di cinque secondi. Domenica, in gara, abbiamo azzeccato la scelta delle gomme e, dopo i primi tre split, eravamo sotto di due secondi. Purtroppo, sugli ultimi cinque chilometri, abbiamo accusato un improvviso calo delle gomme e questo, assieme all’aria rarefatta in quota, ci ha fatto un po’ rallentare. Siamo comunque riusciti ad abbassare il record di altri tre secondi, vincendo la classe e rischiando di entrare nei migliori dieci di gruppo. Siamo appagati di tutti gli sforzi fatti ed all’arrivo non riuscivo a trattenermi dalla gioia. Grazie a Funny Team, alla mia famiglia e soprattutto a mio papà perchè ha svolto un lavoro incredibile.”

A masticare amaro in provincia di Trento è stato invece uno sfortunato Enrico Zandonà, costretto ad abbandonare la compagnia in anticipo, durante le prove, per una toccata.

L’unica manche disputata, quella del Sabato, si rivelava fatale per il pilota di Verona e per la sua Wolf Gb08 Thunder, impossibilitati a proseguire a causa delle conseguenze dell’uscita.

“Weekend da dimenticare” – racconta Zandonà – “in quanto ho sbattuto in prova ed ho riportato importanti danni alla vettura. Non ho mai avuto grande simpatia per questa gara ed anche questa trasferta sta a confermare che non ho gran feeling con questo evento. Succede sempre qualcosa. Per quel poco di tracciato che ho percorso devo dire che gli intertempi erano in linea con gli avversari, che corrono qui da più tempo di me, e questo poteva darmi la giusta fiducia per puntare ad un buon risultato. Purtroppo le gare sono fatte anche di queste delusioni, lo sappiamo bene. Fortunatamente non ho riportato alcun danno fisico ma ho maturato la consapevolezza che non parteciperò più a questo evento. Rimanere bloccato sul tracciato, per più di cinque ore, quando magari potevo provvedere alla riparazione della vettura mi ha dato fastidio. Troppi concorrenti ed un percorso così lungo sono un mix decisamente complicato.”

È UN ELENCO ISCRITTI DI ALTA QUALITA’ QUELLO DEL 50° SAN MARINO RALLY (8/9 LUGLIO)

LA SFIDA È A PAOLO ANDREUCCI, DOMINATORE NEL CIRT TRA LE MODERNE, A “LUCKY” BATTISTOLLI E ANDREA TONELLI, PRIMATTORI TRA LE STORICHE “TERRA” A QUATTRO E DUE RUOTE MOTRICI. AL VIA ANCHE NICKOLAY GRYAZIN, STELLA DEL WRC RALLY2, E I “RAGAZZI TERRIBILI” DEL CIAR SPARCO JUNIOR.

“RALLY CELEBRATION”: LA FESTA DEL 50ESIMO “SAN MARINO”

Repubblica di San Marino. È un 50° San Marino rally denso di contenuti e significati sportivi quello che andrà in scena tra venerdì 8 e sabato 9 luglio prossimi, giusta cornice per un traguardo così importante e raggiunto da poche gare di grande blasone. L’elenco degli iscritti, sia per quanto riguarda le auto moderne che le storiche, è ad alto tasso tecnico e sportivo, per la presenza di nomi importanti e di un livello di vetture rilevante. Il “San Marino” sarà il terzo appuntamento del Campionato Italiano Rally Terra, quarto del Campionato Italiano Rally Terra Storico, con il parallelo 7° San Marino Rally Historic, e terza prova per i giovani talenti del Campionato Italiano Assoluto Rally Junior. Sempre all’interno del San Marino Rally, ricalcando esattamente lo stesso percorso, si daranno battaglia i protagonisti della Coppa Italia Rally 5^ Zona, nel secondo dei quattro appuntamenti in calendario, per il quale prenderanno punti tutti gli iscritti al 50° San Marino rally, ad eccezione dei piloti extra Italia e San Marino, e i Prioritari del 1° Elenco Internazionale.

NEL TRICOLORE TERRA, CACCIA A PAOLO ANDREUCCI (SKODA FABIA). AL VIA ANCHE NIKOLAY GRYAZIN.

Ben ventisette le Rally2 al via sugli sterrati tra San Marino e Italia, che compongono il percorso del rally versione 2022, con un mare di Skoda Fabia, da cui emergono una Hyundai i20 e due Citroen C3. Il leit-motiv della gara del Campionato Italiano Rally Terra sarà la caccia a Paolo Andreucci, con Rudy Briani e la Skoda Fabia Rally2 HSport, dominatore dei primi due appuntamenti della serie (Val d’Orcia e Adriatico) e ovviamente leader della classifica assoluta. La presenza di Nikolay Gryazin, con Aleksandrov alle note e la Fabia by Delta Rally sarà di certo un altro grande stimolo per tutti i “big” al via. Il giovane e veloce talento russo, tra i protagonisti di vertice nel WRC Rally2, non è stato ammesso al via del rally Estonia, nonostante la scelta di utilizzare la bandiera ANA (Authorised Neutral Athlete), per cui ha optato per il San Marino rally per fare chilometri, in vista dei prossimi impegni iridati. Recente vincitore al rally di Alba, Gryazin sarà un importante metro di confronto per tutti, anche se le ragioni del campionato italiano prevarranno alla fine tra coloro che mirano al titolo. Come, ad esempio – in una classifica CIRT che, per le vetture, parla solo boemo – il pilota di Marostica Giacomo Costenaro, con Bardini, che occupa il secondo posto, davanti al bergamasco Enrico Oldrati, con De Guio, entrambi con le Skoda by Munaretto. Presenti anche Jacopo Trevisani, con Ungaro, quinti attualmente nella serie CIRT assoluta, che precede il pilota sammarinese Jader Vagnini, con Elisabetta Franchina a fianco, autore di prestazioni assai pregevoli con la Skoka Fabia “non evoluta”. In cerca di riscatto e punti tricolori i sempre competitivi Massimiliano Tonso, con Fappani, il versiliese Emanuele Dati, con Ciucci, fin qui poco fortunato, e l’altro forte pilota sammarinese Daniele Ceccoli, con Capolongo, protagonista di vertice sulle sue strade. Da segnalare il ritorno di Matteo Gamba – qui con Gonella – pilota bergamasco che corre poco, ultimamente, ma riesce sempre a far sentire la sua presenza. Ci sarà anche Rachele Somaschini, con Nicola Arena, con la Citroen C3 Rally 2, con la quale promuove la lotta contro la fibrosi cistica e non ha voluto mancare Angelo Pucci Grossi, con Cardinali (Skoda Fabia Rally2). Un nome, quello del suo grande papà Pucci Grossi, che ancora echeggia da queste parti: vittorie indimenticabili e scontri epici con Massimo Ercolani, indimenticabile campione sammarinese, anche lui prematuramente scomparso. Il giovane Grossi, pilota emergente, ha voluto onorare i cinquanta anni del San Marino rally, ricalcando quelle stesse speciali. Altro figlio d’arte al via Aronne Travaglia – con Lamanda, a bordo di una Mitusbishi Lancer – venuto appositamente dal Giappone, dove vive.

Tra le Due Ruote Motrici della classe Rally4 è il padovano Nicolò Marchioro, con Marchetti (Peugeot 208 Rally4) a condurre le danze, dall’alto delle due vittorie nelle prime due gare, con un gruppetto di inseguitori guidati dall’aretino Davide Bartolini, con Chiara Lombardi.

“LUCKY” E ANDREA TONELLI LEADERS NEL CIRT STORICO, PRIMA DI SAN MARINO

Ci saranno ovviamente entrambi, a difendere il loro primato nel Campionato Italiano Rally Terra Storico, con tre gare già in archivio. “Lucky” Battistolli, con Fabrizia Pons, a bordo della Lancia Delta Integrale 16V della KSport, per aggiungere un’altra vittoria tra la Quattro Ruote Motrici, ad un palmares di una carriera già ricchissimo di successi mondiali, europei e italiani nei rally. Andrea Tonelli, con Debbi a fianco, per incrementare il suo vantaggio tra le Due Ruote Motrici, ottenuto con la Fort Escort RS. “Lucky” troverà, insieme ai rivali di stagione Bacci-Farnocchia (Ford Sierra Cosworth 4X4) e Pellegrini-Francini (Lancia Delta HF 16V), un avversario, che sa già ostico, come il sammarinese Marco Bianchini, con Giulia Paganoni, che torna ai rally quest’anno, con la Lancia Delta Integrale 16V. Anche per Tonelli il compito non sarà facile, principalmente per la presenza di un osso duro come il locale Bruno Pelliccioni, con Samanta Grossi (Ford Escort RS), impegnato nel gravoso compito di recuperare lo stop forzato delle prime due gare stagionali.

I “RAGAZZI TERRIBILI” DEL CIAR SPARCO JUNIOR ALLA TERZA STAGIONALE, CON CASELLA LEADER

Terzo appuntamento, e secondo su fondo sterrato, per le giovani speranze “da rally” impegnate nel Campionato Italiano Assoluto Rally Junior, che affrontano gli impegnativi sterrati del San Marino rally. Al via con le Renault Clio RS Rally 5, uguali per tutti, i dieci equipaggi junior si presentano con leader in campionato il messinese Andrea Casella, con Siragusano, vincitore a Sanremo e secondo all’Adriatico. La regolarità ha premiato finora il giovane trevigiano, classe 2001, Mattia Zanin, con Pizzol, che è secondo davanti al pavese Davide Nicelli, con Pieri, primo sugli sterrati dell’Adriatico, dopo il ritiro a Sanremo. Al quarto posto e in cerca di rilancio a San Marino il padovano Edoardo De Antoni, con Musiani, che precede il pugliese Guglielmo De Nuzzo, con Grimaldi, più staccato.

“SAN MARINO RALLY CELEBRATION”: TANTI CAMPIONI NEL CENTRO STORICO DI SAN MARINO

La serata di venerdì 8 luglio sarà dedicata alla celebrazione del San Marino Rally numero 50 con cui la FAMS, Federazione Auto Motoristica Sammarinese, vuole festeggiare l’importante ricorrenza. Lo farà riunendo in una “Rally Celebration” i vincitori presenti nel lungo Albo d’Oro della gara, insieme ad ospiti importanti e a tutti gli equipaggi iscritti alla cinquantesima edizione.

“Rally Celebration” avrà inizio alle ore 19.30, dopo che tutte le vetture saranno entrate nel Parco Partenza, tra le ore 18.00 e le 19.00 sempre di venerdì, nel Centro Storico di San Marino. Nella adiacente piazza Sant’Agata, a pochi passi dal Parco Partenza, la FAMS Federazione Auto Motoristica Sammarinese, organizzatrice del San Marino rally, ha predisposto un momento conviviale celebrativo del 50esimo. Due ore di incontri, ricordi e racconti, con campioni e personaggi di ieri e di oggi (ci saranno, tra gli altri, Miki Biasion, Andrea Aghini, Tony Fassina, Piero Longhi, Franco Cunico, Gilberto Pianezzola, Tonino Tognana, Paolo Andreucci) legati ai leggendari sterrati dove sono state scritte pagine indimenticabili della storia dei rally.

CONTATTI ORGANIZZAZIONE

FAMS Federazione Automotoristica Sammarinese

Via Giangi, 66 – 47891 Dogana (RSM)

0549 909053

email: info@sanmarinorally.com

www.sanmarinorally.com

UFFICIO STAMPA

Leo Todisco Grande

Iscritto Ordine dei Giornalisti Italia n. 43387

Mob. +39 335 8298326

email press@fams.sm

Vagnini Jader-Franchini Elisabetta, Skoda Fabia R5 #8

Andreucci Paolo-Briani Rudy, Skoda Fabia R5 #1

ANCORA VITTORIE A GO-GO PER MOVISPORT: SORIA NEL “CLIO TROPHY” EUROPEO E MIELE AL “LANTERNA”

Non si ferma, la striscia di successi della scuderia reggiana, che anche

nel fine settimana appena passato ha colto due importanti affermazioni.

In arrivo il “San Marino”, di nuovo con la “stella” Gryazin.

Reggio Emilia, 05 luglio 2022 – Dopo l’apoteosi per la vittoria “tricolore” di Alba da parte di Nikolay Gryazin, Movisport anche nel fine settimana appena passato ha trovato due grandi successi, dando continuità al momento decisamente “magico” che sta attraversando.

Il successo internazionale, stavolta, è arrivato in ambito continentale, in Lettonia al Rally Liepaja, quinta prova del Campionato Europeo Rally (ERC), dove Paulo Gabriel Soria Sanchez – Marcelo Der Ohannesian, sulla Renault Clio Rally5 firmata TokSport, hanno ribadito la loro forza nella terza occasione in calendario del Clio Trophy, nel quale sono al comando della classifica. Terza gara e terzo successo nel monomarca francese, con vittoria anche di categoria, nella velocissima gara nordica, nonostante il “fuori programma” di una ruota danneggiata nelle prove della mattina, conferma comunque di un livello decisamente alto dell’equipaggio sudamericano.

Se in Lettonia la vittoria è stata vibrante e ricca di contenuti, non da meno è stata quella di Simone Miele stavolta affiancato da Erica Badinelli al 38° Rally della Lanterna, valido per la Coppa Rally di seconda zona. Tornato sulla Citroen DS3 WRC per dimenticare velocemente la disavventura di Alba, Miele ha vinto di forza, peraltro aveva un conto aperto con il Rally della Lanterna ed ha atteso due anni per chiuderlo, Simone Miele ed Erika Badinelli hanno trionfato nella trentottesima edizione della gara genovese – 6° Rally Val D’Aveto valida per la Coppa Rally Zona 2. Il pilota varesino e la navigatrice di Santo Stefano, hanno però anche sudato freddo, con una partenza in sordina dovuta ad un piccolo problema elettromeccanico sulla vettura, poi hanno attaccato vincendo tutte e quattro le prove speciali della domenica e chiudendo con un margine di 13″1 sulla Skoda Fabia R5 di Francesco Aragno.

Alla gara ligure era al via anche Sara Micheletti, come al solito affiancata da Miriam Marchetti e le due lady driver di nuovo sulla Skoda Fabia R5, si sono ritirate nelle prime battute di gara per una “toccata” posteriore.

Poi, al Rally Valli della Carnia, Coppa rally di 4^ zona, Matteo Lusoli e Matteo Nobili, al via con la Renault Clio, hanno chiuso sesti di classe.

ARRIVA IL “SAN MARINO”, TORNA GRYAZIN

Non passerà certo inosservata la presenza dello squadrone Movisport per il 50° Rally di San Marino, terza prova del Campionato Italiano Rally Terra, una delle gare su terra più iconiche in Europa. La compagine reggiana proporrà una cinquina di partecipazioni con i fari puntati ovviamente su Nikolay Gryazin ed il suo copilota Aleksandrov che, forti della vibrante vittoria tricolore di Alba, pur essendo al via a titolo di allenamento, cercheranno decisamente il successo, diventando anche un notevole punto di paragone per i piloti italiani che frequentano il campionato su terra tricolore. Gryazin avrà a disposizione una Skoda Fabia e la stessa vettura la avranno Emanuele Dati – Giacomo Ciucci ed i francesi Stephane Ciaramitaro – Jean-Marc Decousso e Pierre Loustalniau – Stephane Maillè. Dati e Ciucci, rinfrancati dal precedente impegno al Rally Adriatico concluso al quarto posto assoluto, hanno nel mirino la continuità per rimanere in scia dei migliori in classifica e sicuramente cercare di progredire dall’ottavo posto in cui si trovano condizionati dalla sfortuna sofferta all’avvio stagionale in Val d’Orcia. Ciaramitaro quest’anno ha già corso in Italia, ad inizio anno al “Valle del Tevere” finendo 20esimo assoluto e Loustalniau non corre dal Critérium des Cévennes dello scorso anno.
Riflettori poi puntati su Andrea Tonelli e Roberto Debbi e la loro Ford Escort RS con la quale saranno della partita al “San Marino Storico”, quarto dei cinque appuntamenti in calendario. La coppia reggiana dopo un Rally Adriatico al di sotto delle aspettative, finirono in quinta posizione assoluta finale, secondi del 3. Raggruppamento soprattutto limitati dalla mancanza di fornitura gomme, contano in una riscossa per allungare in classifica al primo posto davanti agli inseguitori che non sono troppo lontani.

UNGHERIA “CALDA” PER KEVIN GILARDONI.

Lamborghini GT Open all’Hungaroring. E’ questo, il programma per Kevin Gilardoni alla quarta prova stagionale in Ungheria, chiamato a dare ulteriore conferma del proprio valore con la Huracan dell’Oregon Team, insieme al compagno di colori Glenn Van Berlo. La posta in palio è altissima: difendere il secondo posto in campionato e, perché no, cercare di insidiare la coppia leader, che è a soli dieci punti.

FOTO: Soria Sanchez in azione (foto da fiaerc.com)

#Rally #Rallye #Movisport #PassionForExcellence #Motorsport #RacingIsLife

UFFICIO STAMPA

Alessandro Bugelli
Giornalista
Iscrizione Ordine Nazionale dei Giornalisti 110772
MGT COMUNICAZIONE

LANTERNA CORSE RALLY TEAM, PRIMA SCUDERIA AL RALLY DELLA LANTERNA

Secondo posto per Aragno, vittoria all’esordio per Matteo Garbarino

E’ stato un Rally della Lanterna ricco di soddisfazioni per la Lanterna Corse Rally Team quello appena andato in scena a Santo Stefano D’Aveto. La scuderia genovese torna infatti dalle prove speciali dell’entroterra ligure con molti risultati positivi, a cominciare dal secondo posto assoluto della Skoda Fabia R5 di Francesco Aragno e Giancarla Guzzi, protagonisti e dominatori della prima parte di gara, che si sono poi dovuti arrendere al ritorno della Citroen WRC di Miele-Badinelli, vincitori sul palco di arrivo.

Gara soddisfacente anche per Gianluca Caserza, quarto assoluto e terzo di classe all’esordio sulla Skoda Fabia R5 con Giulia Patrone; il genovese ha condotto un rally in crescendo, riducendo prova dopo prova il distacco dalla testa della classifica, senza rischi e forzature; un adattamento rapidissimo alla potente trazione integrale céca, che ha messo nuovamente in luce il talento di Caserza.

Buone notizie anche dalla classe N3, che ha visto chiudere al secondo posto Roberto Canevari e Marco Gallizia, seguiti dai compagni di team Alberto Verardo e Cristina Rinaldis sulle sempre efficienti Renault Clio Rs. Maurizio Pessina e Fabio Rossi, su Citroen DS3 hanno terminato terzi in R3, mentre in Rally4, la classe più numerosa della gara, Filippo Zerollo con Andrea Cresta ed Alessandro Fugazzi con Deborah Casazza hanno chiuso rispettivamente dodicesimo e tredicesimo con le Peugeot 208.

Una menzione speciale merita la prestazione di Matteo Garbarino e Simone Bottino, che con una Fiat 600 si sono aggiudicati la classe A0 nella loro gara d’esordio con un dominio netto.
La Lanterna Corse Rally Team, grazie ai risultati di Aragno, Caserza e Canevari, si è aggiudicata la classifica delle scuderie.

4c093a19-9f21-bf01-e1e6-aa0483f5318b

SANDRIN TORNA NELLA REPUBBLICA DEL TITANO

Quasi vent’anni sono passati dall’ultima apparizione del pilota di Povegliano al San Marino, terza tappa di un Campionato Italiano Rally Terra che lo vede in crescita.

Povegliano (TV), 04 Luglio 2022 – Correva l’anno 2003 ed un Andrea Sandrin a trazione anteriore, impegnato in una stagione transitoria con la francesina da rally, si concedeva l’unica apparizione dell’annata su una vettura turbo, all’epoca su una Mitsubishi Lancer Evo VII in N4.

Diciannove anni sono passati da quella trasferta ed il prossimo fine settimana il pilota di Povegliano si unirà alla festa per l’atteso cinquantennale dell’imminente San Marino Rally.

Il trevigiano, impegnato quest’anno a pieno regime nel Campionato Italiano Rally Terra, cercherà di riprendere quel cammino di crescita che era iniziato già allo scorso Liburna Terra, rallentato solamente da uno sgambetto della dea bendata nell’Adriatico di inizio stagione.

“Il livello del tricolore terra è altissimo” – racconta Sandrin – “e, per poter stare al passo dei migliori, abbiamo bisogno di fare strada. Saremo al via del San Marino e, per noi, si tratterà della seconda gara di questa stagione. Abbiamo già corso qui, praticamente vent’anni fa, quindi dire che conosciamo il percorso e che avremo dei vantaggi è fuori contesto. Il finale della stagione scorsa ci ha visto migliorare sensibilmente però abbiamo ancora tanta strada da fare.”

Ad attendere Sandrin, all’ombra del Monte Titano, ci sarà una Skoda Fabia R5, messa a disposizione ed iscritta per i colori di MS Munaretto, condivisa con il ritrovato Manuel Menegon.

“Qui a San Marino ritroverò il buon Manuel Menegon” – sottolinea Sandrin – “e sono certo che l’affiatamento che abbiamo consolidato in abitacolo, praticamente ho corso quasi solo con lui da quando ho ricominciato ad esserci con costanza, mi permetterà di esprimermi al meglio. Con il pacchetto che ci metterà a disposizione MS Munaretto potremo essere competitivi, sperando che la sfortuna guardi da un’altra parte e ci lasci liberi di fare il nostro passo.”

Nove i tratti cronometrati che costituiranno l’ossatura per il compleanno del San Marino, tutti da disputare nella sola giornata di Sabato 9 Luglio per poco meno di settantaquattro chilometri.

La mattina sarà incentrata sui due passaggi della corta “Terra di San Marino” (5,00 km), inframezzati da un primo giro a “Macerata Feltria” (7,47 km) e “Belforte all’Isauro” (12,01 km).

A partire dal primo pomeriggio la sfida si sposterà su altre due tornate a “Macerata Feltria” ed a “Belforte all’Isauro”, lasciando all’ultima “Terra di San Marino” la chiusura del sipario.

“Da quanto ho potuto vedere dal sito dell’organizzazione” – conclude Sandrin – “le prove sono molto belle, decisamente strette e chiuse. Diciamo che richiamano la conformazione dell’Adriatico. Abbastanza veloci ed un po’ di collina quindi dovrebbero essere divertenti. Vedendo il passo dell’Adriatico direi che un obiettivo plausibile sarebbe quello di stare nei dieci assoluti ma, per fare questo, dovremo lavorare bene nella stesura delle note. Ci auguriamo di non trovare troppa polvere durante le ricognizioni perchè potrebbe diventare un bel problema.”

Older posts Newer posts

© 2022 RallyRace.it

Theme by Anders NorenUp ↑