Category: Articoli (page 1 of 902)

RIPARTE DAL CASENTINO IL 2020 DEL VM MOTOR TEAM

Cecchini e Bosco al via con una Peugeot 208 R2B

E’ tempo di ripartenza anche per il VM Motor Team. La scuderia di Moreno Voltan, ferma come tutte le altre a causa della situazione nazionale, è pronta a tornare in gara e lo farà alla prima occasione utile in calendario, vale a dire il Rally del Casentino, in programma a Bibbiena (AR) i prossimi 3 e 4 luglio.
La prima tappa della IRCup sarà anche la gara che segna il ritorno delle competizioni rallistiche in Italia ed in Europa, un appuntamento immancabile per numerosi equipaggi, che hanno voluto marcare la propria presenza alla manifestazione aretina.
Tra questi ci saranno anche i portacolori del VM Motor Team Mario Cecchini e Stefano Bosco, in gara con una Peugeot 208 R2B preparata e seguita da Bianchi.
Il 40° Rally del Casentino partirà alle 12 di sabato 4 luglio da Bibbiena ed in concorrenti affronteranno sette prove speciali, per un totale di 89 chilometri cronometrati. L’arrivo è previsto, sempre a Bibbiena, alle 21:22.

Il ritorno agonistico di Movisport: “Casentino” a tre punte.

Tempo di sfide, per la scuderia reggiana, che questo fine settimana sarà ben rappresentata alla classica gara toscana, prima prova dell’IRCup.

Reggio Emilia, 30 giugno 2020

Movisport, dopo i circa tre mesi di totale stop dovuto alla pandemia da Covid-19, è pronta a riprendere le sfide. Il sodalizio reggiano lo farà questo fine settimana, al 40. Rally del Casentino, prima prova del campionato IRCup a Bibbiena, in provincia di Arezzo.

Saranno tre, gli equipaggi al via per difendere i colori Movisport, con tanta voglia di riprendere a gareggiare e tanta voglia anche di avviare al meglio la stagione.

Prenotano certamente un posto al sole nell’assoluta o magari anche sul podio assoluto, Gianluca Tosi-Alessandro Del Barba, che affronteranno tutta la stagione con la Skoda Fabia R5, con la voglia anche di riscatto dalla delusione patita in provincia di Arezzo lo scorso anno, fermati da un banale guasto meccanico.

Dalla terra all’asfalto, Luca Hoelbling con Federico Fiorini alle note ci prova con una Hyundai i20 R5, cercando anche loro la rivalsa da un avvio stagionale (prima della pandemia) in Val d’Orcia, concluso anzitempo per una rottura.

Ci sarà poi Matteo Bonini, con Gabriele Romei, su una Renault Clio R3C. Sarà alla sua quarta esperienza con la affidabile due litri francese, potendo contare sull’apporto di esperienza del copilota, per avviare al meglio la propria stagione in una competizione che si annuncia assai “calda”.

Il 40° Rally del Casentino scatterà sabato 4 luglio alle 11.30 dal tradizionale palco partenza di viale Gramsci in Bibbiena e si svolgerà sulla distanza di 89 km di prove speciali divise sui classici tratti cronometrati casentinesi, opportunamente rivisti nella distanza. La “Corezzo” di 9,500 km, la “Crocina” di 22,28 km e la new entry “Rosina” di 7,48 km, prova presa “in prestito” dal Historic Rally delle Vallate Aretine. La scelta dolorosa di tagliare le prove nella parte alta del Casentino, cioè le classiche PS “Caiano e “Barbiano” è dovuta alla necessità di rispettare il chilometraggio massimo di tratti cronometrati imposto dai nuovi protocolli (non oltre 100km) senza però rinunciare alle prove più significative. L’arrivo sarà alle 20,43, sempre in Viale Gramsci a Bibbiena.

Nella foto: Tosi (Mario Leonelli)

#Rally #Rallye #Movisport #Motorsport #RacingIsLife #IRCUP

UFFICIO STAMPA

Alessandro Bugelli

XRace Sport torna ad accendere i motori: Rusce-Farnocchia al debutto in Casentino, prima dell’impegno tricolore di Roma

Il pilota reggiano, per la sua quinta stagione nel Campionato Italiano Rally ha scelto

La Citroen C3 R5 e per dare l’assalto al titolo “asfalto”, affiancato ancora da Sauro Farnocchia questo fine settimana andrà ad allenarsi al Rally del Casentino.

Al via, nella gara in provincia di Arezzo anche i locali Battisti-Cappelletti.

01 luglio 2020

E’ finalmente arrivato il momento di riaccendere i motori, per X Race Sport, dopo la lunga pausa dovuta alla chiusura delle attività sportive per l’emergenza epidemiologica. La gara della ripartenza sarà il 40° Rally del Casentino, questo fine settimana, primo atto del Campionato IRCup, a Bibbiena, Arezzo, dove il vessillo della “X rossa” sventolerà con due portacolori decisi a riprendere l’attività con un risultato di spessore.

Saranno infatti della partita Antonio Rusce e Sauro Farnocchia, al loro debutto con la Citroen C3 R5 con la quale hanno in programma di disputare l’intero Campionato Italiano Rally Asfalto (CIRA), ed i locali Battisti-Cappelletti, al loro primo approccio con una Renault Clio S1600.

Particolare attenzione per Rusce e Farnocchia, che sfrutteranno le caratteristiche della

gara casentinese in preparazione della prima prova del Campionato Italiano Rally prevista a Roma il 24-26 luglio.

La Citroen C3 R5 del Team FPF Sport gommata Pirelli sarà dunque la compagna di avventure per questo 2020 il cui calendario sportivo è stato radicalmente modificato a causa dell’emergenza sanitaria e Rusce vuole partire con la marcia giusta, sapendo che la stagione sarà decisamente difficile per quanto avvincente:

“Finalmente si torna macchina – commenta il driver di Rubiera – dopo tanta attesa. Avevamo programmato una stagione con stimoli nuovi, anche con un nuovo team con l’obiettivo di capitalizzare le esperienze passate per puntare a salire di un gradino sul podio, quindi a cercare di agguantare il titolo. Lo stop forzato certamente sarà un avversario in più, troppo tempo siamo stati fermi, ma cercheremo di riprendere subito in mano gli equilibri necessari per affrontare al meglio questa stagione un poco “anomala”. Credo che potrò avere un “pacchetto” auto-gomme-squadra di altissimo livello, che unito all’avere di nuovo al mio fianco Sauro Farnocchia siano ottimi presupposti per disputare un campionato ad alto livello. Il Casentino e la sua gara cascano a pennello per svolgere un test importante, ci sono tutte le condizioni per svolgere davvero un allenamento che possa dare indicazioni importanti, anche perché avremo strade perfette, condizioni meteo difficili che ci metteranno dunque a dura prova ed avversari di rango. Dico solo che sarà bellissimo riprendere a correre così!”

Nella gara di casa ci saranno poi gli immancabili locali Fabio Battisti e Maurizio Cappelletti. Dopo significative esperienze con la Peugeot 208 R2, il pilota di Castel San Niccolò quest’anno alza l’asticella, affrontando le strade amiche con una muscolosa e certamente impegnativa Renault Clio s1600, tentando il risultato d’effetto, ovviamente contando sui consigli dell’esperto copilota Cappelletti.

Il 40° Rally del Casentino scatterà sabato 4 luglio alle 11.30 dal tradizionale palco partenza di viale Gramsci in Bibbiena e si svolgerà sulla distanza di 89 km di prove speciali divise sui classici tratti cronometrati casentinesi, opportunamente rivisti nella distanza. La “Corezzo” di 9,500 km, la “Crocina” di 22,28 km e la new entry “Rosina” di 7,48 km, prova presa “in prestito” dal Historic Rally delle Vallate Aretine. La scelta dolorosa di tagliare le prove nella parte alta del Casentino, cioè le classiche PS “Caiano e “Barbiano” è dovuta alla necessità di rispettare il chilometraggio massimo di tratti cronometrati imposto dai nuovi protocolli (non oltre 100km) senza però rinunciare alle prove più lunghe e selettive. L’arrivo sarà alle 20,43, sempre in Viale Gramsci a Bibbiena.

FOTO MASSIMO BETTIOL

www.xracesport.com

info@xracesport.com

UFFICIO STAMPA

Alessandro Bugelli

LA LEONESSA CORSE È PRONTA A RIPARTIRE

 

 

Il valtellinese Luca Fiorenti parteciperà all’IRC su Renault Clio mentre Tosini ha testato la 208 R2 in vista del CIWRC.

 

Brescia – La quarantena è finita anche per la Leonessa Corse. La squadra bresciana sarà infatti ai nastri di partenza del primo rally nazionale post Covid-19, il Casentino, insieme all’equipaggio Luca Fiorenti e Filippo Alicervi. Il pilota valtellinese tornerà in gara con la sua amata Renault Clio R3C con la quale affronterà tutta la serie asfaltata privata che si snoderà tra Casentino, Città di Bassano e Appennino Reggiano.

Il Rally Internazionale del Casentino si svolgerà sabato e domenica sulle strade nei pressi di Bibbiena, nel cuore della Toscana; Corezzo, Rosina e Crocina saranno i nomi delle tre prove speciali che ripetute tre volte andranno a comporre il totale di novanta chilometri.

Tuta e casco sono tornati all’ordine del giorno anche per i bresciani Giudo Tosini e Corrado Scalfi che sabato scorso hanno fatto fruttare al meglio la sessione di test organizzata a Dronero (CN). I due portacolori della Leonessa hanno tolto la ruggine in vista dei prossimi impegni del CIWRC che affronteranno sulla consueta Peugeot 208 R2B della Vieffecorse gommata Michelin.

“Siamo pronti per riprendere i programmi sportivi che il Coronavirus non aveva nemmeno fatto cominciare – commenta il presidente Saresera. Tra non molto anche altri equipaggi torneranno a far rombare i motori e noi non vediamo l’ora di seguirli sui campi gara.”

 

 

 

Addetto stampa Luca Del Vitto: info@lucadelvitto.com ; +39.339.1477880

Fra sole e pioggia si riaccendono con successo i motori da rally nella giornata di allenamento a squadre organizzata da Sport Rally Team

 

Successo pieno del test organizzato dalla scuderia carmagnolese che sull’anello Dronero, Santuario di Ripoli, Montemale, Ricogno ha visto le vetture da rally ripartire verso la prossima stagione. Preziosa la presenza di Michelin Motorsport, che oltre al responsabile competizioni per l’Italia Fabrizio Cravero, ha portato due tecnici frequentatori del mondiale. Ottima collocazione e di grande respiro il parco assistenza ospitato all’interno della struttura AFP – Azienda di Formazione Professionale. Presenti vetture di tutte le categorie dall’ammiratissima Fiesta WRC Plus alle Peugeot 208 R2B alle storiche. L’alternarsi di sole e pioggia ha permesso di valutare le vetture in condizioni estremamente diverse.

DRONERO (CN), 28 giugno – Guarda il cielo con preoccupazione Pier Luigi Capello, guida e anima dello Sport Rally Team che ha organizzato il primo test collettivo per auto da rally su un percorso ad anello fra Dronero e Montemale. Il patron della scuderia carmagnolese è preoccupato dalla minaccia di pioggia, con tuoni che scuotono il cielo e nuvole gonfie di pioggia come le mammelle di una mucca prima di essere munta, temendo che gli sforzi fatti per organizzare questo evento possano essere vanificati dalle condizioni meteorologiche.

Di tutt’altro avviso sono i partecipanti al test, che alla ripartenza delle operazioni dopo la pausa pranzo portano le vetture in parco assistenza, allestito all’interno dell’AFP – Azienda di Formazione Professionale che da quattro anni collabora con lo Sport Rally Team, sollevano le macchine sui cavalletti, sostituiscono le gomme da asciutto con quelle da pioggia e si rituffano sui dieci chilometri di percorso (fra trasferimento e tratto chiuso al traffico) per testare anche i pneumatici da bagnato.

Mentre il nuvolone che, dopo essersi parzialmente scaricato su Dronero, si abbatte anche sul parco assistenza e sul percorso, un bagnatissimo Capello filosoficamente commenta:

Con questa pioggia abbiamo dato a concorrenti e preparatori l’opportunità di testare più cose di quelle che avevano previsto” .

E così è stato. In mattinata, con la temperatura dell’asfalto che sfiorava quella della sabbia del deserto di Toseur, piloti e preparatori hanno potuto lavorare sugli assetti e sulla pressione dei pneumatici in condizione di gran caldo, potendo contare su un tratto chiuso al traffico particolarmente veloce sulla strada larga in salita che dal santuario Madonna di Ripoli porta verso Montemale prima di tuffarsi, con uno spettacolare dosso, verso l’area industriale di Ricogno di Dronero attraverso una stradina stretta e tortuosa, tutta nel sottobosco, che ha messo a dura prova freni e meccanica.

Il test ha anche dato l’opportunità a piloti e preparatori di dialogare con due tecnici di Michelin Motorsport, Julien Vial e Didier Martin, provenienti dalla Casa madre di Clermont Ferrand e normalmente impegnati nel mondiale rally che insieme a Fabrizio Cravero di Michelin Motorsport Italia, hanno dato consigli sul come gestire gli pneumatici effettuando inoltre la misurazione della pressione delle gomme al termine del tratto chiuso al traffico, parametro molto interessante per capire il comportamento della vettura nel tratto in cui la si era sfruttata a fondo.

Al test erano presenti vetture top come la Ford Fiesta WRC Plus, lo stato dell’arte del rallismo attuale, di Fabrizio Fontana e Simona Savastano, l’interessante Volkswagen Polo R5, numerose Fiesta e Škoda di classe R5, Peugeot R2, storiche come la BMW M3 di Pellegrino-Peruzzi, Sierra Cosworth di Astesana-Rapetti; piloti di grande esperienza, come l’elvetico Olivier Burri, anche quest’anno al via del Monte-Carlo, e giovanissimi come Matteo Ceriali-Vanessa Lai che in due faticano ad arrivare ai quarant’anni di età.

Ormai asciutto dopo l’acquazzone e il ritorno del sole, Pier Luigi Capello ha concluso:

Credo sia stata una giornata molto utile per tutti i partecipanti, e non mi riferisco solo sotto il profilo tecnico. Ma soprattutto al fatto di esserci tolti, anche noi organizzatori, quella muffa mentale di cui ci siamo ricoperti a causa dei lunghi periodi di inattività”.

In effetti la giornata è iniziata molto presto con le operazioni di controllo sanitario secondo le direttive della federazione prima dell’ingresso nell’area service. Alle nove in punto Luca Arione e Luca Culasso, con la Fiesta R5 di Balbosca erano i primi a scattare sul percorso, che ha visto i partecipanti inanellare giri su giri per tutta la giornata (salvo l’ora di interruzione per la pausa pranzo) con Guido Tosini-Corrado Scalfi (Peugeot 208 R2 della Vieffe) e Patrik Gagliasso con Enrico Ghietti sul sedile di destra della Volkswagen Polo R5 di Roger Tuning recordmen di tornate. L’ultimo a lasciare la prova quando erano quasi le sei di sera, momento in cui il test si è ufficialmente concluso, è stato il modenese Lorenzo Grani, affiancato da Samanta Grosso, Škoda R5 di Riccardo Miele; quindi via tutti verso casa, con molte indicazioni in più su come affrontare la prossima gara, ma soprattutto con voglia e ottimismo necessari per ricominciare.

 

Older posts

© 2020 RallyRace.it

Theme by Anders NorenUp ↑