Author: marco (page 2 of 834)

DUCATI MULTISTRADA 1200 (2017-18): l’avventura inizia con EXAN !

DUCATI MULTISTRADA 1200 (2017-2018) ha cambiato il concetto di Travel Enduro attraverso la sua ergonomia e il design sportivo ed elegante. Il motore Ducati Testastretta ha un’ottima curva di coppia per un connubio di performance e comfort capace di rendere qualsiasi viaggio confortevole senza rinunciare naturalmente a tutte le potenzialità che può offrire su ogni terreno e in ogni condizione

L’anima della bellissima DUCATI MULTISTRADA 1200 (17-18) si esalta ulteriormente con le diverse linee di scarichi dedicatele da EXAN (tutti omologati EURO 4) che ne ridisegnano la parte posteriore cambiandone, ognuno a suo modo, l’erogazione, le caratteristiche estetiche e il sound.

Le proposte

CARBON CAP: lo scarico CARBON CAP ovale si caratterizza per le linee del fondello in carbonio. Disponibile in quattro diversi materiali (Carbonio, Titanio, Acciaio e Acciaio Inox Nero) è estremamente leggero e regala una perfetta erogazione a tutti i regimi di rotazione del motore. Raccordo ai collettori di serie, silenziatore slip-on. Lo scarico Carbon Cap è in vendita al prezzo di euro 435,00 iva compresa

X-BLACK OVALE: l’OVALE X-BLACK è un silenziatore con un bellissimo finale in carbonio di forma “romboidale”. X-Black Ovale ha linee aggressive e il finale realizzato in carbonio ne esaspera ulteriormente le caratteristiche conferendogli un carattere decisamente racing. X-Black Ovale è disponibile in 4 diversi materiali: Acciaio Inox Satinato Chiaro, Acciaio Inox Nero, Titanio e Carbonio. Raccordo ai collettori di serie, silenziatore slip-on. Lo scarico X-Black Ovale è in vendita al prezzo di euro 445,00 iva compresa

X-BLACK EVO – Disponibile in due diversi materiali, inox e inox nero, è caratterizzato dal bellissimo finale in carbonio e da un corpo di forma vagamente conica che scaturisce dalla forza di un fluido spinto alle più alte pressioni. X-Black Evo nasce come evoluzione dell’X-Black conico. Si caratterizza per rigidità, leggerezza e linee, insieme, morbide e aggressive ed è capace di garantire una straordinaria erogazione a tutti i regimi del motore. Raccordo ai collettori di serie, silenziatore slip-on. Per entrambe le versioni, il prezzo di vendita al pubblico è di euro 455,00 (iva compresa)

X-GP – con la sua forma cilindrica vagamente retrò, X-GP è il più racing fra le quattro proposte Exan. Sincero e leggerissimo, è capace di aumentare l’agilità della Ducati soprattutto nei cambi di direzione esaltando le prestazioni del motore soprattutto ai medi e agli alti regimi. Disponibile in carbonio, titanio, inox e inox nero, è immediatamente riconoscibile per il suo bocchettone d’uscita in acciaio inox con saldature a vista. Perfetto per chi cerca un look ancora più aggressivo. Raccordo ai collettori di serie, silenziatore slip-on. Il prezzo al pubblico è di euro 425,00 (iva inc).

I prodotti per la DUCATI MULTISTRADA sono disponibili sullo shop Exan al link -> https://shop.exanexhaust.com/product-category/ducati/multistrada-1200-2017-18/

e presso tutti i concessionari Exan

Per avere maggiori informazioni su questi e su tutti gli altri prodotti EXAN:

EXAN, P.zale Giotto 1 – 20035 Lissone (Mi)

infoline: 039 27.82.799 – www.exanexhaust.com – infoexan@exan.it

Alberto Malucchi – M&M Communication

CLUB 91 APRE IL SIPARIO SULLA CROSARA VALBONA

CLUB 91 APRE IL SIPARIO SULLA CROSARA VALBONA

Il team patavino ha dato il via ufficiale, Giovedì scorso, all’apertura delle iscrizioni alla rievocazione storica su una delle prove speciali simbolo del San Martino di Castrozza.

Rubano (Pd), 17 Aprile 2019 – Aria di novità in casa Club 91 Squadra Corse, impegnata ora nell’organizzazione della rievocazione storica Crosara Valbona, in programma ad Arsiero i prossimi 11 e 12 Maggio 2019.

Una veste inedita per il team patavino, il quale ha deciso di celebrare il cinquantesimo compleanno di una delle prove speciali che hanno segnato, in modo indelebile, la storia del Rally San Martino di Castrozza.

Una precisa volontà di riportare in vita gli anni eroici del rallysmo ha spinto il sodalizio, capitanato da Daniele Martinello, nella scelta del tratto cronometrato in provincia di Vicenza, rimasto tutt’ora invariato rispetto al suo primo passaggio targato 1969.

“Abbiamo deciso di riportare alla luce la Crosara Valbona” – racconta Martinello (presidente Club 91 Squadra Corse) – “perchè volevamo far rinverdire le emozioni che i rally di quei tempi riuscivano a suscitare, dando la possibilità di conoscere zone del nostro territorio che si trovano fuori dai classici percorsi turistici. Questa prova speciale è una autentica mosca bianca, una delle poche rimaste ancora uguali agli anni del rallysmo vero, autentico, da eroi. Dato che quest’anno ricorrerà il cinquantesimo dal primo transito del San Martino di Castrozza abbiamo deciso di cogliere al volo questa opportunità, dando il via ad una nuova avventura.”

Giovedì scorso, 11 Aprile, si sono aperte ufficialmente le iscrizioni alla rievocazione storica vicentina mentre la chiusura è prevista per la mezzanotte di Lunedì 6 Maggio.

L’evento si articolerà in due giornate, partendo da Sabato mattina con le verifiche dei documenti sino alla partenza della prima vettura, ore 14:30, da Piazza Rossi ad Arsiero.

Il passaggio sulla prova speciale porterà gli iscritti alla fine della prima frazione, prevista per le ore 16:20, prima di incontrare i protagonisti del passato, nella sala conferenze di Arsiero, e di ritrovarsi tutti per un aperitivo, al quale farà seguito la cena.

Due le tornate previste per la giornata seguente, entrambe nell’arco della mattinata, prima di fare rientro verso Arsiero, arrivo in Piazza Rossi, alle ore 14:30.

“Abbiamo già riscontrato importanti adesioni all’evento” – sottolinea Martinello – “a partire da Pino Ceccato, il quale fu protagonista dell’edizione del 1969 dove chiuse al quinto posto assoluto, alla guida di una Fiat 125. Ceccato ha confermato la propria presenza con una vettura dello stesso modello. Tra i protagonisti dell’incontro serale avremo anche Cesare Girolometto che, nel 1969, è partito dallo stesso palco del San Martino per una gita di 18.000 chilometri verso la Mongolia, alla guida di una Fiat allestita da Ceccato. Avremo anche Giorgio Taufer, vincitore nel 1969 di questa prova speciale davanti ad un certo Sandro Munari.”

Modulo di iscrizione e tutti i documenti sono disponibili sul sito www.club91squadracorse.it.

AL COLLINE DI ROMAGNA È PODIO PER BALDON RALLY

La Peugeot 208 R2 del sodalizio vicentino chiude seconda, grazie a Schenetti, mentre la dea bendata mette i bastoni tra le ruote alla vettura gemella di Leonessi.

Castelgomberto (Vi), 17 Aprile 2019 – La ventinovesima edizione del Rally Colline di Romagna, disputato nel recente fine settimana, ha visto Baldon Rally protagonista di livello assoluto, grazie alle due punte messe in campo, seppur con alterne fortune, alla guida delle Peugeot 208 R2.

Riflettori puntati su Sandro Schenetti, autore assieme ad Alberto Corradi di una lotta senza tregua con Lessi, conclusa con il secondo posto in classe R2B per soli cinque decimi.

Il pilota di Maranello, buon conoscitore della trazione anteriore francese, partiva a testa bassa e firmava le prime due prove speciali, portandosi al comando delle operazioni.

Dopo aver lasciato il successo a Lessi, nella terza, Schenetti segnava il miglior tempo nella quarta, mantenendo la leadership per 3”4.

Sul quinto impegno di giornata avveniva il primo scambio di posizioni, con l’emiliano che scendeva al secondo posto, per un solo decimo.

Pronto riscatto sulla penultima speciale dove Schenetti vinceva e riprendeva la testa per 1”5, prima che il colpo di reni del rivale facesse svanire il sogno di una vittoria accarezzata.

A consolare la delusione per il successo mancato arrivava un ottimo settimo posto nella classifica assoluta, quinto di gruppo R.

“Siamo molto contenti del risultato di Schenetti” – racconta Baldon (titolare Baldon Rally) – “e, nonostante siamo consapevoli che mancare la vittoria per cinque decimi possa rodere, siamo gratificati del fatto che la nostra Peugeot 208 si è rivelata, ancora una volta, affidabile. Ha vinto più speciali rispetto a tutta la concorrenza e ha lottato per tutta la gara sul filo dei secondi con Lessi, presentandosi al via dell’ultima prova speciale ancora in testa. Peccato per una vittoria potenziale sfumata ma è, per noi, un risultato che va comunque incorniciato, visto anche un meteo incerto che ha reso la scelta delle gomme un rebus di difficile soluzione.”

Una banale uscita di strada, avvenuta sulla prima prova speciale, si rivelava fatale per Marco Leonessi, assieme a Daiana Darderi sulla seconda Peugeot 208 R2 targata Baldon Rally.

La difficoltà nel riprendere la via, costatagli quasi venti minuti, aveva sostanzialmente spento, per il pilota di Cesena, ogni ambizione di ben figurare.

Nonostante la sventura iniziale Leonessi, prese le misure alla vettura con la quale era al debutto, iniziava a segnare riscontri cronometrici interessanti, terzo di classe dalla quarta speciale sino alla conclusione di giornata.

“Davvero un peccato la sfortuna che ha colpito Leonessi” – sottolinea Baldon – “perchè la beffa più grande è stata quella di non riuscire a ripartire subito. Perdendo oltre quindici minuti, pagando anche una penalità ad un controllo orario, la gara è stata compromessa dai primi chilometri. I tempi segnati nella seconda metà di gara hanno confermato il suo valore e siamo certi che avrà modo di rifarsi, magari di nuovo alla guida della nostra Peugeot 208 R2.”

Vincenzo Torchio lascia il segno nella “Leggenda”

Esordio positivo sulle strade liguri del pilota astigiano, affiancato da Mauro Carlevero di San Damiano d’Asti, con la Citroën Saxo VTS curata da Gianuzzi Motors per i colori Eurospeed. Undicesimo assoluto, preceduto solo da vetture nettamente più potenti, dominatore incontrastato della Classe A6, ha fatto il pieno di adrenalina, senza però correre rischi, perché il Valli Cuneesi incombe

SANREMO (IM), 15 aprile – Cambiano le regioni, ma il risultato finale non cambia. Vincenzo Torchio “emigra” in Liguria per partecipare all’11° Sanremo Leggenda, affiancato dal quasi conterraneo Mauro Carlevero e con la Citroën Saxo VTS curata dalla Gianuzzi Motorsport di Cossombrato (AT) chiude all’11° posto della classifica assoluta (su 73 iscritti) vincendo, anzi dominando la Classe A6 che ha guidato dal primo all’ultimo metro di gara.

“È stata un’esperienza interessante che ho affrontato senza sapere quale sarebbe stata la mia posizione nella classifica finale. In Piemonte conosco le strade e gli avversari e se non accadono fatti esterni, i miei pronostici sono molto vicini al risultato finale. Qui non avevo nessun riferimento. Conoscevo poco gli avversari, soprattutto non conoscevo affatto le prove speciali che hanno caratteristiche molto diverse dalle nostre strade” premette il pilota astigiano.

L’equipaggio portacolori della scuderia astigiana Eurospeed parte subito di gran carriera e fin dalla prima prova speciale prende nettamente il comando della classifica di Classe A6 relegando a 24”8 il più veloce degli avversari. “Sapevo fin dalle ricognizioni che la prova di Testico mi piaceva. Si arriva al salto del dosso del Passo del Ginestro e non si riesce a staccare il piede dall’acceleratore e la Saxo vola in alto e vola in lungo come un aliante. Prudenza vorrebbe di dare un colpo di freno prima di decollare per abbassare e accorciare il volo, ma non ci sono proprio riuscito. Troppo bello, troppo adrenalinico. Si tiene giù e si vola. Atterrati dal salto, e controllata la macchina nel successivo e vicinissimo destra/sinistra molto insidioso inizia un tratto in discesa che si fa tutto in apnea, alimentati solo dall’adrenalina. Una sensazione fantastica. In quel tratto di strada non esistono strategie, non esistono classifiche. Si va giù a chiodo e basta” racconta a occhi sognanti Vincenzo Torchio.

Quindicesimi assoluti, primi di Classe A6 e quinti di Due Ruote Motrici, Torchio e Carlevero iniziano ad avere qualche idea di quelle che sono le loro possibilità di classifica, ma non se ne curano. Anche se iscritti alla Michelin Zone Cup qui, in seconda zona, non hanno ambizioni di campionati perché il loro obiettivo è la Zona 1: in Liguria sono in gita turistica per conoscere rally nuovi e strade mai percorse. San Bartolomeo conferma definitivamente la loro leadership in classe e recuperano pure una posizione in classifica assoluta, anche se siglano solo il 18esimo tempo assoluto, loro peggior risultato di giornata. Arriva il Colle d’Oggia e i due astigiani segnano il sedicesimo tempo assoluto, mantengono la loro posizione in classifica assoluta, e sono quarti fra le Due Ruote Motrici. In Classe A6 la partita è definitivamente chiusa con il più veloce degli avversari che viaggia a 52” di ritardo.

“Stiamo andando bene e siamo soddisfatti. La scelta di gomme non è stata perfetta, ci volevano quelle più dure, ma abbiamo fatto una scelta conservativa pensando che le condizioni meteorologiche fossero peggiori” dichiara Torchio a metà gara.

La seconda parte di gara ricalca il primo passaggio sulle prove speciali. Veloci e determinati i due astigiani allungano nella classifica di classe, al punto di chiudere con 1’52” sul secondo classificato in Classe A6, ma soprattutto recuperano tre posizioni nella classifica assoluta, e diventano secondi di Due Ruote Motrici, ottenendo un ottimo 11° tempo assoluto nella prova finale di Colle d’Oggia.

“Ci siamo divertiti moltissimo ma alla fine, sull’ultima prova speciale, abbiamo iniziato a ragionare. Anche prima di Colle d’Oggia sapevamo che quella sarebbe stata la nostra posizione in classifica, salvo eventi straordinari. Troppo lontani da chi ci precedeva, con un margine di sicurezza su chi ci inseguiva. E fra due settimane ci sarà il Valli Cuneesi, dove inizierà la nostra stagione ufficiale e i punti della Coppa di Zona e di Michelin Zone Cup verranno segnati sul nostro tabellone. Davanti a noi in classifica ci sono solo vetture decisamente più potenti, a quattro ruote motrici, salvo la Clio R3 di un pilota velocissimo e blasonato come l’elvetico Kim Daldini. Un risultato estremamente positivo, per una gita di studio su prove speciali decisamente diverse dalle nostre; prove nelle quali è fondamentale seguire la traiettoria millimetricamente, curare certosinamente i tagli perché il minimo errore rischia di farti perdere il ritmo, nella migliore delle ipotesi, o di appiccicarti contro un muretto se ti va storta” commentava Torchio sul palco arrivi in fronte al Casinò di Sanremo.

“Adesso, cena di pesce con le nostre famiglie, un ultimo sguardo al mare e da lunedì resetteremo il cervello verso il Valli Cuneesi”

Tommaso M. Valinotti – Ufficio Stampa Vincenzo Torchio

ERREFFE RALLY TEAM BARDAHL ANCORA A PODIO

Muratori è secondo assoluto al Rally Colline di Romagna regalando il secondo podio consecutivo dopo quello ottenuto da Consani al Liburna una settimana fa.

Castelnuovo Scrivia (Al)- L’Erreffe Rally Team Bardahl è salito ancora sul podio in occasione del Rally Colline di Romagna, gara andata in scena gara nel fine settimana appena concluso.

Sulle strade della provincia di Cesena, Silver e Fausto Muratori sono stati tra i protagonisti assoluti della corsa con la Ford Fiesta R5 griffata “Erreffe”: una serie di ottime prestazioni ha consentito al duo locale di salire sul secondo gradino del podio ottenendo il miglior risultato personale in carriera; già una settimana fa l’Erreffe Rally Team Bardahl aveva ottenuto un secondo posto con il francese Consani in occasione del Liburna Terra sempre su Fiesta R5.

In Ossola invece, al Rally 2 Laghi, Fabrizio Margaroli ed Andrea Dresti hanno lottato fino all’ ultimo metro per cercare di entrare nella Top 3 ma alla fine sono rimasti fuori dal podio per pochi secondi nonostante la loro prova generosa. A bordo della Renault Clio Super 1600 l’equipaggio di casa ha comunque fatto divertire il folto pubblico accorso sulle strade del VCO che alla fine lo ha acclamato per la buona sesta piazza finale. Ritiro invece per Massimo Margaroli con Cerutti e per Patritti-Porta entrambi con delle Renault Clio S1600; fatali per entrambi la rottura del semiasse in un’inversione.

Addetto stampa Luca Del Vitto

Older posts Newer posts

© 2019 RallyRace.it

Theme by Anders NorenUp ↑