Dopo una stagione da protagonista, tra le Suzuki nel CIR e CIWRC, Scalzotto ritorna alla guida della francesina di casa Peugeot, assieme ad un Vanin in crescita.

Castelgomberto (VI), 25 Settembre 2019 – Tutto è pronto, in provincia di Vicenza, per aprire il sipario sul Mundialito Triveneto: Venerdì e Sabato prossimi arriva il Rally Città di Bassano.

Valido come ultimo atto dell’International Rally Cup e penultimo della Mitropa Rally Cup, l’evento vicentino è uno di quelli ai quali non si può mai mancare, un palcoscenico di caratura internazionale che è in grado di calamitare l’attenzione di concorrenti ed addetti ai lavori.

Il cartellino di Baldon Rally è pronto per essere timbrato, schierando due portacolori sulla punta di diamante del sodalizio con base a Castelgomberto, la Peugeot 208 R2.

Impressionante il riscontro avuto dall’organizzazione, ben venticinque i concorrenti che si sfideranno lungo le speciali del Bassano, con gli italiani a difendere il tricolore dagli assalti di tedeschi, ungheresi, turchi e con una lotta tutta interna tra i giovani talenti in chiave IRC.

A lungo protagonista nelle massime serie tricolori, Campionato Italiano Rally e Campionato Italiano WRC, nell’ambito della Suzuki Rallye Cup, dove è ancora in corsa per il titolo del girone CIR, Andrea Scalzotto si regala l’opportunità di un banco di prova importante.

Il pilota vicentino, affiancato da Mattias Conci alle note, tornerà al volante della Peugeot 208 R2, di casa Baldon Rally, a distanza di quasi un anno dall’ultima apparizione.

“Siamo al via di una delle gare più importanti del Triveneto” – racconta Baldon (titolare Baldon Rally) – “e la conosciamo molto bene, avendola affrontata svariate volte. Quest’anno saremo della partita con le nostre due Peugeot 208 R2, la prima delle quali sarà affidata a Scalzotto. Sarà una prima presa di contatto, in un contesto alquanto competitivo, per cercare di capire il livello nei confronti dei protagonisti dell’International Rally Cup e della Mitropa Rally Cup. Prima di affrontare i round conclusivi della Suzuki Rallye Cup Andrea avrà la possibilità di tornare alla guida di una vettura profondamente diversa dalla Swift. Sono venticinque i partenti in R2B, impressionante ed il livello tecnico è altissimo. Siamo pronti alla sfida, non vediamo l’ora.”

Quarta uscita stagionale, sulla Peugeot 208 R2, per Davide Vanin, autore sin qui di un’annata ad intermittenza sulla trazione anteriore della casa transalpina.

Il pilota veneziano, dopo il ritiro del Grifo, si è ben comportato al Dolomiti Rally, chiudendo ai piedi del podio di classe R2B, prima di segnare un altro zero, in casa, al Rally Città di Scorzè.

Ad affiancarlo, sul sedile di destra, riconfermata la presenza di Giorgio Simioni.

“Da Davide ci aspettiamo una costante crescita” – aggiunge Baldon – “supportata da una gara che è particolarmente lunga. Dopo la sfortuna di Scorzè ci auguriamo che possa riprendere da come aveva finito il Dolomiti. Certo, qui il livello del parco partenti è ben diverso ma più la sfida è ardua e più si cresce. Venticinque partenti in classe R2B ed oltre centoventi chilometri di prove speciali sono un terreno di scontro, sportivamente parlando, molto formativo. Siamo certi che anche Davide punta a far bene e noi gli metteremo a disposizione tutto il nostro impegno.”